Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Mascherine obbligatorie all’aperto, Toti dice sì: “Un segnale di prudenza, il Covid sta crescendo”

Il governatore parla di "misura condivisa" e precisa che non verrà emessa alcuna ordinanza più permissiva

Più informazioni su

Genova. Le mascherine obbligatorie all’aperto? Una misura che “richiama a prudenza e attenzione”, “un segnale che abbiamo condiviso e un avvertimento a tutti i cittadini del fatto che il Covid sta tornando a crescere”. Il presidente Giovanni Toti, dopo aver espresso un giudizio che sembrava radicalmente diverso solo due giorni fa (ma il riferimento era soprattutto alla prospettiva di togliere poteri alle Regioni), dice sì alle misure contenute nel decreto legge approvato dal governo.

Le mascherine andranno indossate all’aperto “allorché si sia in prossimità di altre persone non conviventi”, si legge nel decreto pubblicato in Gazzetta ufficiale. A Genova rimarrà in vigore l’ordinanza più restrittiva che riguarda il centro storico, dove i dispositivi di protezione vanno indossati sempre e comunque (anche qui si parla tecnicamente di situazioni a rischio assembramento, ma l’interpretazione in atto è piuttosto drastica).

La crescita dei contagi, ha proseguito Toti, “mi pare sia evidente a tutti, anche se con molte diversità rispetto alla crisi della primavera scorsa quando morti, ricoverati e terapie intensive erano di ben altra levatura”. Dunque nessuna polemica sulle mascherine. Il confronto col governo in vista del nuovo Dpcm proseguirà a partire da domani e durerà ancora una decina di giorni visto che, secondo quanto emerge da Roma, il provvedimento non arriverà prima del 15 ottobre.

Resta comunque tensione sul passaggio che impedisce alle Regioni di emanare ordinanze più permissive, anche se sarà possibile di concerto col ministro della Salute: “Già il fatto che abbiano messo un confronto credo sia un passo avanti”, riconosce Toti. Che in ogni caso sgombra il campo dai dubbi: “In questo momento non c’è alcun bisogno di misure migliorative” visto che il decreto “non inserisce restrizioni né per l’economia né per i negozi e gli orari”.