Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

L’Università di Genova si aggiudica il premio Sportello Apre per le attività 2019

L'agenzia per la Promozione della ricerca europea sostiene e promuove la partecipazione italiana ai programmi europei di ricerca e innovazione

Più informazioni su

Genova. APRE – Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea, sostiene e promuove la partecipazione italiana ai programmi europei di Ricerca & Innovazione. Con i suoi 140 soci (tra cui l’Università di Genova), 14 sportelli regionali e un liaison office a Bruxelles, APRE costituisce un’associazione poliedrica dove i principali attori italiani di R&I si incontrano e si confrontano sui temi della ricerca europea.

La missione di APRE è coinvolgere pienamente gli attori italiani attivi in ricerca e innovazione nel panorama europeo e favorire la collaborazione tra gli stessi attori italiani e i protagonisti europei. APRE ospita i Punti di Contatto Nazionale del programma quadro europeo per la ricerca e l’innovazione. Quest’anno APRE compie 30 anni.

Il riconoscimento premia l’attività dello Sportello APRE Liguria, che dal 2018 è gestito dal Settore Ricerca Europea nell’ambito del Servizio Ricerca – Area Internazionalizzazione, Ricerca e Terza missione dell’Ateneo, e sottolinea ancora una volta l’impegno dell’Università di Genova nella promozione e nel supporto alla ricerca, soprattutto nella sua declinazione europea e internazionale.

Il premio viene infatti assegnato ogni anno da APRE allo sportello regionale che si è distinto per le attività messe in campo in fatto di informazione, formazione, consulenza e sostegno degli attori territoriali della ricerca e dell’innovazione.

La Presidente del Comitato Tecnico Scientifico, Cristina Pedicchio, ha dichiarato che APRE ha voluto premiare “uno Sportello giovane, che ha affrontato con grande entusiasmo e competenza questa sfida, e ha creato nella sua Regione un ambiente collaborativo e di cooperazione tra i diversi attori pubblici e privati”.