Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Lampioni smontati e abbandonati tra gli alberi: lo scempio nel bosco di Sant’Eusebio fotogallery

Alla scena hanno assistito alcuni residenti. Green City Light: "Sconcertati, siamo a disposizione delle autorità"

Genova. I lampioni vecchi sostituiti e “smaltiti” abbandonandoli nel bosco. Questa l’incredibile scena a cui hanno assistito alcuni residenti del quartiere di Sant’Eusebio, che lunedì scorso, affacciandosi alle finestre di casa hanno visto gli operai intenti a sostituire i punti luce “sbarazzarsi” dei vetri delle lampade con lanci tra gli alberi sottostanti.

Una episodio, durato circa una mattinata, che ha immediatamente, e giustamente, scatenato lo sdegno dei residenti, che hanno segnalato alla redazione di Genova24 l’accaduto. Abbiamo quindi raggiunto via Val Trebbia, per verificare l’accaduto, trovando effettivamente evidenti tracce di quanto successo.

A valle della strada, infatti, in corrispondenza dei lampioni rinnovati, nell’area di bosco sottostante, abbiamo potuto avvistare e documentare almeno una decina di plafoniere in vetro, ora rotte, ora integre, appartenenti ai vecchi impianti (di cui nella gallery potete trovare una foto). La strada attraversa la costa di Sant’Eusebio, costeggiando aree coltivate e parti di bosco con il suolo ricoperto da fitta vegetazione e rovi: in un caso ci siamo addirittura imbattuti in una carcassa completa del vecchio punto luce. Tracce di cocci di vetro riconducibili alle luminarie sono visibili anche vicino e dentro le campane per la raccolta differenziata del vetro.

lampioni

Abbiamo, quindi, contattato l’azienda vicentina Green City Light che da un paio di mesi si sta occupando di sostituire tutte le luci della città con dispositivi a led a basso impatto, dopo aver ricevuto l’appalto da parte del Comune di Genova, condiviso, per una quota minoritaria con Aster.

L’azienda ha confermato a Genova24 che le operazioni di sostituzioni sono affidate a ditte subappaltatrici tenute a seguire ferree regole di gestione del rifiuti, per cui è prevista una rigida policy riguardo lo smaltimento. Alla notizia dell’episodio si è immediatamente mobilitata per verificare sul posto l’accaduto, per poi fare tutte le verifiche del caso per capire la dinamica e le eventuali responsabilità.

“City Green Light opera da sempre nella più scrupolosa osservanza di tutte le normative applicabili, crede fermamente in valori quali il rispetto dell’ambiente e della comunità e pretende che altrettanto facciano tutte le imprese che gestiscono attività per conto della stessa, ivi comprese, ovviamente, quelle che operano nella città di Genova. La Società è anche certificata secondo i più alti standard internazionali a tutela dell’ambiente – sottolinea l’azienda – Per queste ragioni, abbiamo ricevuto con sorpresa (e dispiacere) la comunicazione del fatto e ci siamo subito attivati sia segnalando il tutto alle competenti Autorità, e mettendoci a disposizione delle stesse per ogni necessità, sia avviando una serie di verifiche per fare luce sull’accaduto onde individuare eventuali responsabilità e assumere tutti i provvedimenti opportuni in merito. Desideriamo cogliere l’occasione per ringraziare sinceramente i cittadini che hanno effettuato la segnalazione in oggetto al giornale”.

Lampioni nel bosco di Sant'Eusebio