Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Il mare “si mangia” parte di un muro della strada per Portofino, danni anche a Santa

Istituito per sicurezza un senso unico alternato nella zona dello scoglio della Carega, la nuova diga del porto ha retto

Santa Margherita. Mentre il mare torna lentamente alla normalità, Santa Margherita Ligure dopo 24 ore di apprensione fa il punto della situazione.

Sulla strada provinciale 227 per Paraggi e Portofino è stato istituito per sicurezza un senso unico alternato nella zona dello scoglio della Carega. Il motivo è un parziale svuotamento del muro sottostante che sostiene la carreggiata. Gli interventi di ripristino sono già iniziati. Sullo stesso tratto si segnalano parti di passerella pedonale divelte dalle onde.

“Sono state ore difficili, di preoccupazione e di lavoro – dice il vicesindaco di Santa Margherita Ligure con delega alla protezione civile, Emanuele Cozzio – ma alla fine il bilancio di questa violenta ondata di maltempo non ha avuto gravi conseguenze sul nostro territorio. La parte idraulica – torrenti, tombini, caditoie – non è mai andata in sofferenza; la mareggiata, contro cui poco possiamo fare, ha trasportato acqua e detriti in parte delle zone esposte al mare prontamente eliminati”.

La nuova diga del porto, ancora da ultimare, ha retto la furia del mare e non ha subito danni strutturali: due soli massi, di piccole dimensioni, alzati dalle onde e appoggiati in banchina, si sono spostati dalla massicciata; la scogliera non ha subito problemi; piccoli danni all’interno del cantiere ma nulla di particolare.

“Anche i privati hanno fatto la loro parte – continua Cozzio – mettendo in sicurezza se stessi e le loro attività commerciali”.

La forte mareggiata, già ieri sera, aveva invaso alcune zone del lungomare allagandole ma subito ripristinate in poco ma già da questa mattina le zone a mare erano pressoché ripristinate.