Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Giallo di Sampierdarena, domani l’autopsia: mistero sul coltello sparito fotogallery

Nessun indagato ancora per la morte del 74enne. Molte risposte potrebbero arrivare dall'esame autoptico disposto dal magistrato

Più informazioni su

Genova. Gli investigatori della squadra mobile sperano che l’autopsia sul cadavere di Franco Giovanni Rapuzzi, l’uomo di 74 anni trovato morto sabato mattina a Sampierdarena, possa fare chiarezza su quello che al momento resta un giallo.

Ad eseguire l’autopsia domani pomeriggio sarà il medico legale Marco Salvi, incaricato dal sostituto procuratore Patrizia Petruzziello che coordina le indagini.

Rapuzzi, che a marzo era stato arrestato per violenza sessuale e maltrattamenti, stava trascorrendo gli arresti domiciliari nell’appartamento di via Spataro 24. Viveva insieme a due giovani tunisini e al padrone di casa, che aveva conosciuto in carcere.
All’alba di sabato mattina un passante lo ha visto precipitare dal secondo piano, senza un urlo secondo il testimone. L’uomo aveva però una ferita da coltello sul fianco sinistro.

L’arma tuttavia non è stata trovata. Nell’abitazione sono stati trovati, lavati e in ordine, diversi coltelli che sono stati sequestrati. Ora l’autopsia dovrebbe chiarire la compatibilità della ferita con i coltelli trovati in casa. Se gli investigatori non escludono che Rapuzzi abbia compiuto un gesto autolesionistico, l’ipotesi del suicidio desta più di una perplessità sia per il punto dove l’uomo si sarebbe ferito, il fianco appunto, sia perché se Rapuzzi colto da raptus suicida avesse prima provato ad accoltellarsi per poi lanciarsi dalla finestra, il coltello avrebbe dovuto trovarsi in camera sua.

Certo è che i tre coinquilini del 74enne sono rimasti in casa dopo la tragedia e hanno aperto la porta alla polizia. Sono stati interrogati per tutta la giornata di sabato (per i due stranieri è stato necessario il ricorso a un interprete) ma al momento non sono indagati.