Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Dopo un anno di discussioni l’aula rossa ha deciso: giacca obbligatoria per i consiglieri comunali

Solo gli uomini, le donne dovranno comunque indossare abiti "dignitosi". Nel nuovo regolamento anche la possibilità di suonare l’inno in aula

Più informazioni su

Genova. Il consiglio comunale ha votato alcune norme che andranno a modificare il regolamento. Niente che cambierà radicalmente la vita della città. Ma per arrivare a questo risultato sono stati necessari oltre 12 mesi di iter.

Giacca obbligatoria, ma cravatta facoltativa, per gli uomini. E poi la possibilità di far risuonare in aula rossa l’inno nazionale per conferire ad alcune sedute maggiore solennità. Sono le due principali novità introdotte nel regolamento del consiglio comunale e votate durante la seduta di oggi. Seduta che, visto l’aumento dei contagi e in previsione della possibile quarantena di alcuni consiglieri, è tornata a svolgersi in modalità mista, in presenza e su streaming.

Il nuovo regolamento, seppure non abbia introdotto dei cambiamenti sostanziali ma solo formali, ha impiegato oltre un anno per essere elaborato, discusso in commissione e infine approvato. Le nuove norme, quelle sull’abbigliamento e quella sull’inno, erano state entrambe proposte dal centrodestra. Per le consigliere donne non cambia nulla. Potranno continuare a presentarsi senza giacca, ma con “abbigliamento consono alla dignità del mandato ricevuto”.

Il nuovo regolamento è stato votato con il sì della maggioranza, l’astensione di Italia Viva e Pd e il no del Movimento 5 Stelle e di Paolo Putti (Chiamami Genova), consigliere “noto” per essersi quasi sempre presentato in aula rossa in maniche di camicia, felpa e t-shirt: “Nel 2020 dovremmo concentrarci sulla coerenza non sull’eleganza dei nostri abiti”, ha detto.