Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Coronavirus, non solo centro storico: l’incidenza è in crescita in altri quartieri di Genova foto

Pontedecimo, Lagaccio e Oregina, Albaro le zone da tenere d'occhio secondo i dati di Alisa e dove, almeno in teoria, potrebbe essere estesa l'ordinanza sulle mascherine

Genova. Il centro storico resta la zona più colpita dai contagi di coronavirus, in queste ultime settimane, ovvero quella dove il covid sta circolando più facilmente e rapidamente, ma attenzione perché – in base ai dati presentati da Alisa e relativi all’ultima settimana – ci sono altri quartieri dove l’incidenza dei contagi potrebbe destare qualche preoccupazione: Pontedecimo, ad esempio, ma anche Oregina e Lagaccio e poi Albaro, con un aumento di casi in termini assoluti anche a Sestri Ponente e Sampierdarena.

I dati, che trovate nel grafico pubblicato, sono stati illustrati da Filippo Ansaldi, responsabile prevenzione di Alisa e sono relativi alle ultime tre settimane. Nei giorni dal 28 settembre al 1 ottobre l’incidenza (casi/10mila abitanti) nei due “cap” del centro storico più colpiti – 16126 e 16124 – è stata pari allo 3.03 e 4.50 – inoltre il valore è di 2.04 nel cap 16123. Ma attenzione perché a Pontedecimo l’incidenza si è attestata in pochi giorni a 3.99. Al Lagaccio/Oregina siamo a 1.71, ad Albaro a 1.39.

In termini assoluti le cifre non sono ancora impressionanti e l’aumento dell’incidenza può essere legato a casi che, se debitamente tracciati, si possono arginare velocemente come si sono creati. Ma se così non fosse non è escluso che in nuovi quartieri, oltre al centro storico, possano essere applicate misure di contenimento come l’obbligo di mascherina all’aperto, sempre. A questo proposito, oggi sarà prorogata l’ordinanza del Comune di Genova per un’altra settimana.

Generica

Tra i dati emersi dagli studi di Alisa sul contagio – gli studi che indirizzano anche le scelte politiche – una sostanziale stabilizzazione della pressione ospedaliera. Al momento la curva dei posti letto di media intensità è in crescita ma non in modo esponenziale. Rispetto ai primi 10 giorni del mese, quando c’era stato un picco dovuto alla situazione spezzina – ora sotto controllo – la curva ora cresce più lentamente e interessando gli ospedali genovesi.