Quantcast
Più chiaro

Coronavirus, ecco la mappa delle 4 “zone rosse” di Genova con tutti i divieti da rispettare

Divieto assoluto di stazionamento nella parte ovest del centro storico, a Sampierdarena, Cornigliano, Certosa e Rivarolo

Generica

AGGIORNAMENTO 27 OTTOBRE: sono in vigore in tutta Genova le limitazioni agli spostamenti dalle 21 alle 6 secondo la nuova ordinanza firmata dal sindaco Bucci (approfondisci qui). Di conseguenza la mappa dei divieti è ormai superata.

Genova. Da mezzogiorno scattano a Genova i nuovi divieti previsti dall’ordinanza regionale (scaricala qui) adottata dal presidente Giovanni Toti di concerto col ministro della salute Roberto Speranza per contenere l’esplosione del coronavirus in città. Una stretta annunciata che va a sommarsi alle misure previste dall’ultimo Dcpm del governo Conte. Oltre alle mascherine obbligatorie sempre e alla chiusura dei locali a mezzanotte (alle 21 per chi non prevede la consumazione al tavolo) si aggiungono ulteriori misure.

In tutto il territorio della città di Genova:

Chiusura totale delle attività di vendita al dettaglio e/o somministrazione di alimenti e bevande effettuate mediante apparecchi automatici in appositi locali ad esse adibiti in modo esclusivo o prevalente. L’attività è inibita in tale modalità per qualsiasi genere merceologico
Chiusura notturna (dalle 21 alle 8 del giorno successivo) degli esercizi di vicinato alimentare, degli artigiani alimentari, delle medie e grandi strutture di vendita di alimentari. Possono restare aperte anche in tale fascia oraria le attività di cui sopra in cui sia garantito che non vengano vendute bevande alcoliche in qualsiasi forma e di qualsiasi gradazione. È comunque sempre ammessa la vendita tramite consegna al domicilio.

Quelle individuate nelle mappa sono invece le “zone rosse” che corrispondono a una parte del Centro Storico (con esclusione del Porto Antico), Sampierdarena, Cornigliano e Rivarolo (vie definite nell’allegato 1 dell’ordinanza). In queste aree sono in vigore le seguenti misure:

– Divieto delle attività di sale giochi, sale scommesse e sale bingo
– Divieto di manifestazioni pubbliche e private
– Divieto assoluto di assembramento (non si potrà stazionare per strada insieme ad altre persone, solo camminare)
– Chiusura dei centri culturali e sociali e circoli ludico ricreativi

L’ordinanza entra in vigore dalle ore 12 di oggi, giovedì 15 ottobre, e rimarrà in vigore per 29 giorni (decadendo in contemporanea con l’ultimo Dpcm del governo). “Si tratta di misure non particolarmente gravose rispetto al Dpcm, ma che riteniamo possano essere utili a drenare ulteriormente il contagio, che si concentra soprattutto nell’area della Città metropolitana di Genova”, ha detto Toti.

Più informazioni
leggi anche
Laboratorio mobile tamponi commenda di Pré
Novità
Tamponi rapidi, a Genova si potranno fare in altri 4 punti (oltre alla Commenda di Prè)
distributore automatico birra
Strategia
Coronavirus, a Genova stop a distributori h24 e alcol di notte, stazionamento vietato nelle “zone rosse”
tamponi
In salita
Bollettino coronavirus: oggi 362 nuovi casi positivi, ancora in aumento gli ospedalizzati
Vita quotidiana coronavirus mascherine spesa fila poste vecchi
Sugli scudi
L’ordinanza anti-Covid chiude i circoli, Arci: “Noi, considerati come un distributore h24”
Generica
Bollettino
Coronavirus, in Liguria 432 nuovi casi con oltre 5000 tamponi, ci sono tre morti
giuseppe conte
Nuova stretta?
Coprifuoco dalle 22 e didattica a distanza: le ipotesi del governo per contenere il virus
Prima serata di movida in centro storico dopo il lockdown, polizia locale e steward anti assembramento
"coprifuoco"
Decreti e ordinanze anti-Covid spengono la movida, pochissime multe nella notte
Generica
Da condividere
Coronavirus, ecco la nuova mappa per districarsi nel caos delle ordinanze a Genova