Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Coronavirus, Bucci: “Proporremo didattica a rotazione al 50%, anche per svuotare i bus”

Durante il consiglio comunale il sindaco ha ipotizzato alcune mosse per fronteggiare l'emergenza pandemica e la crisi del trasporto pubblico

Genova. Per diminuire il numero di passeggeri su bus e treni nelle ore di punta, ma anche per limitare ulteriormente la possibilità di contagi, sembra prendere sempre più forma l’eventualità di un largo ricorso alla tanto discussa “dad”.

“Sul tema delle scuole, ci sono regioni e città che stanno proponendo al governo di poter procedere con un 50% di lezioni in presenza e un 50% di didattica a distanza, non suddividendo queste attività per età e tipi di scuola ma magari a rotazione, una settimana una classe e una settimana l’altra, questa potrebbe essere un’ottima iniziativa”. Lo ha detto il sindaco Marco Bucci durante il consiglio comunale di oggi rispondendo a un articolo 55, ovvero una richiesta di chiarimenti, sul tema covid presentato dai partiti di opposizione.

“Non so dire se lo faremo, dovremo avere l’ok ministeriale ma penso che chiederemo di poterlo fare anche perché questo ci consentirebbe di diminuire anche il numero di passeggeri sugli autobus”.

Il sindaco di Genova quindi va anche oltre l’ipotesi avanzata qualche giorno fa dal presidente della Regione Liguria Giovanni Toti che aveva parlato di “dad” per le ultime classi delle superiori. Bucci non ha fatto distinzioni di età, ma è comunque probabile che non si interverrebbe su quella fascia di studenti che non può restare a casa da sola.

Sul fronte del trasporto pubblico Bucci ha ribadito all’opposizione come al momento l’amministrazione e le partecipate non possano “fare miracoli”: “Il governo finora ha promesso un miliardo e 600 milioni di euro per supportare i Comuni delle maggiori spese, sono arrivati 500 milioni a inizio agosto a livello nazionale e a noi è arrivato l’1%, in totale 5 milioni, persino meno del previsto in base alle quote, abbiamo un buco da mancata bigliettazione di circa 20 milioni per Amt e di circa 8 milioni per Atp, capite che ci stiamo attrezzando per fare i miracoli ma la realtà è questa”.

Bucci auspica che la tranche aggiuntiva dei finanziamenti governativi possa arrivare entro fine anno “e se così fosse potremmo acquistare mezzi aggiuntivi e stipulare accordi con i servizi ncc, i servizi di noleggio con conducente”.

Intanto dall’aula rossa di Tursi Bucci ha confermato che nelle prossime ore si svolgerà una riunione operativa per stabilire come elaborare l’ordinanza per il centro storico e gli altri quartieri ad alto tasso di contagi. “Andremo a ‘matchare’ (far coincidere, incrociare, ndr) i luoghi dove sono originati i positivi nelle varie aree della città, e potremo farlo quasi condominio per condominio, con le aree di maggiore rischio di affollamento, il risultato saranno le aree dove interverremo, non posso dirvi ancora in che modo ma domattina avremo una teleconferenza con la ministro dell’Interno Luciana Lamorgese e capire come agire”.