Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Bolzaneto, una discarica a cielo aperto davanti al campo rom: la denuncia del M5s

Il video del consigliere municipale Briganti, Giordano: "Vergognoso, l'incapacità del Comune è evidente"

Più informazioni su

Genova. Davanti al campo rom di Genova Bolzaneto, sito in via Nostra Signora della Guardia, c’è una vera e propria discarica a cielo aperto. A documentarla in un video è il consigliere municipale della Valpolcevera Marco Briganti (M5s), rilanciato dal consigliere comunale Stefano Giordano che annuncia la presentazione di un esposto: “Montagne di rifiuti ingombranti e non solo stazionano da tempo su un lunghissimo tratto di marciapiede, rappresentando così anche un pericolo per i pedoni, invadendo anche una parte di carreggiata”.

Generica

“Quel marciapiede è l’unico utilizzabile per il passaggio pedonale – spiega Briganti -. Il fatto che i rifiuti occupino una parte della carreggiata diventa un pericolo anche per chi su quella strada transita con i propri mezzi. Non vogliamo assolutamente accusare il campo nomadi antistante. Auspichiamo tuttavia che chiunque si sia reso colpevole di questo gesto di inciviltà, venga individuato e sanzionato”.

“Al netto di chi sia stato, resta gravissimo che la civica amministrazione, anche tramite Amiu, non abbia provveduto a rimuovere i rifiuti, lasciando quest’area nel degrado più totale. È un’evidente incapacità in termini di gestione del bene pubblico da parte di chi dovrebbe monitorare e intervenire nell’interesse dei cittadini”, conclude Briganti.

Una condizione “vergognosa – attacca Giordano – frutto di degrado, abbandono e inciviltà, che mette a rischio la salute e la pubblica incolumità. È risaputo che la “Genova meravigliosa” del sindaco Bucci è esclusivamente quella dei tappeti rossi stesi nel centro di Genova. Le periferie invece rimangono dimenticate e abbandonate a sé stesse. Il nostro portavoce segnalerà questa vergogna in municipio. Noi a nostra volta depositeremo un esposto agli organi competenti. Non si può e non si deve accettare una situazione di pericolo così palese nei fatti”.