Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Arenzano fermo fino al 15 ottobre, Corradi: “Viviamo una situazione strana, dobbiamo accettarlo”

Rinviate le partite col Celle Riviera in Promozione e con il Finale negli Juniores

Arenzano. Dopo un avvio di stagione con alti e bassi in Coppa Italia, conclusa con un bilancio di una vittoria, un pareggio e una sconfitta, l’Arenzano era pronto ad iniziare il campionato di Promozione.

La partita della prima giornata con il Borzoli, però, non è stata disputata perché la società arenzanese ha ravvisato un caso di sospetta positività al Covid tra i suoi giocatori. L’atleta è poi risultato effettivamente positivo, quindi sia la prima squadra che la Juniores dell’Arenzano hanno dovuto sospendere l’attività per quindici giorni.

In Promozione, non si giocherà la partita di domenica prossima tra Arenzano e Celle Riviera. I biancorossoneri torneranno in campo domenica 18 ottobre per affrontare in trasferta la Golfo Dianese.

“Dovremo stare fermi fino al 15 ottobre, che è giovedì – afferma l’allenatore Alberto Corradi -. Poi faremo un allenamento e andremo a giocare. Dopo che stai fermo quindici/venti giorni lo trovo un po’ pericoloso e strano. Ad ogni modo viviamo una situazione strana, quindi è anche legittimo e giusto si accetti di giocare, sono le conseguenze di tutto questo”.

La formazione Juniores, dopo il rinvio della partita sul campo del Vallescrivia, peraltro nell’incrocio con un’altra società ferma per Covid, non giocherà sabato contro il Finale. Tornerà in campo sabato 17 ottobre per Serra Riccò-Arenzano.