Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

All’ex Ilva sciopero con assemblea, Palombo (Rsu): “Governo e Mittal come i ladri di Pisa, ma non staremo a guardare”

Lo sciopero di 2 ore fa parte di un pacchetto di mobilitazioni indetto a livello nazionale per il rinnovo del contratto dei metalmeccanici

Più informazioni su

Genova. Un centinaio di lavoratori ha partecipato questa mattina nel freddo piazzale davanti allo stabilimento Arcelor Mittal di Cornigliano all’assemblea con sciopero indetta da Fiom, Fim e Uilm per il rinnovo del contratto nazionale dei metalmeccanici.

L’assemblea fa parte di un ‘pacchetto’ di mobilitazioni indette dai sindacati a livello nazionale che prevede un ulteriore sciopero di 4 ore il prossimo 5 novembre.

In Liguria Mittal è stata la prima fabbrica a utilizzare le prime due ore di sciopero. Oltre che del contratto, su cui sono intervenuti i segretari di Fiom, Fim e Uilm, si è parlato ovviamente anche del futuro dello stabilimento con l’intervento del coordinatore dell’rsu Armando Palombo: “Ormai a livello di stabilimento le singole realtà hanno potere di spesa zero e ogni richiesta di investimenti anche minimi come le tute cadono nel vuoto – ha spiegato Palombo ai lavoratori – sappiamo che non è qui che possiamo chiedere risposte sul futuro e sappiamo che ci sono trattative riservate tra Roma e Londra mentre le scadenza del 30 novembre si avvicina”.

”Dal manuale della crusca: non vorrei che governo e Mittal facessero come i ladri di Pisa: di giorno litigano e di notte vanno a rubare insieme – ha concluso così Palombo il suo intervento – Noi non staremo a guardare”.