Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Terzo Valico, abbattuti altri due diaframmi: 17 chilometri collegati tra loro senza interruzioni

Toti: "Dietro questi diaframmi c'è il futuro del nostro Paese"

Più informazioni su

Serravalle Scrivia. Da oggi 17 chilometri del tratto piemontese della nuova linea ferroviaria del Terzo Valico dei Giovi sono collegati tra loro senza interruzioni.

Sono state infatti completate due importanti opere in galleria: lo scavo del tratto di galleria di valico che collega l’imbocco nord con il pozzo del cantiere Radimero e lo scavo del binario pari della galleria naturale Serravalle.

L’abbattimento dei diaframmi delle due gallerie si è svolto oggi alla presenza del ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Paola De Micheli, del commissario straordinario Calogero Mauceri col presidente della Liguria Giovanni Toti e altre cariche pubbliche.

“Al di là di questi diaframmi abbattuti c’è un pezzo del futuro del nostro Paese – ha commentato Toti -, che oggi vediamo concretamente realizzarsi. Abbiamo bisogno di tante opere come questa e di regole che ci consentano di spendere in fretta Mes, Recovery Fund e tutte le altre risorse che arriveranno in Italia. Capacità di investimento e la velocità di realizzazione delle opere sono la chiave del successo, ma l’ostacolo più temibile resta quello della variabile tempo, una sfida che il nostro Paese non può permettersi di perdere se vuole costruire il futuro”.

L’Imbocco Nord della galleria di valico, completato nel Comune di Arquata Scrivia, è stato eseguito con la tecnica tradizionale e comprende in successione una galleria artificiale, un camerone ed una galleria naturale a singolo binario fino ad arrivare al Pozzo del Cantiere Radimero, dove la realizzazione della Galleria di Valico prosegue in direzione Genova con l’utilizzo di due frese TBM (Tunnel Boring Machine).

Il binario pari della Galleria di Serravalle, invece, si estende per una lunghezza totale di circa 7 chilometri di cui circa 6,4 scavati con tecnologia meccanizzata mediante la TBM, interessando i comuni di Novi Ligure e Serravalle Scrivia.

Le attività di avanzamento, viste le zone attraversate e le notevoli dimensioni della sezione di scavo, hanno richiesto particolari attenzioni e l’adozione di sistemi di monitoraggio all’avanguardia che hanno consentito il proseguimento delle attività in modo costante e in completa sicurezza.

Questa importante fase realizzativa, eseguita dal General Contractor Consorzio Cociv, guidato da Webuild, per conto di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo Fs Italiane) consentirà di avviare la realizzazione un nuovo tassello fondamentale al fine del completamento del Terzo Valico dei Giovi: l’innesto sotterraneo delle interconnessioni di Novi Ligure con la linea storica Genova-Torino.