Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sonia Viale consegna le mostrine alla polizia locale per la gestione dell’emergenza ponte Morandi

Più informazioni su

Genova. Questo pomeriggio Sonia Viale, assessore alla sicurezza e vice presidente della Regione Liguria, presso il comune di Genova ha consegnato al Sindaco Marco Bucci, i 1.000 nastrini da conferire agli agenti per i servizi svolti durante l’emergenza del Ponte Morandi e richiesti dal Comune. Un gesto simbolico per l’importante e insostituibile ruolo della polizia locale svolto sul nostro territorio.

“Come assessore con delega alla sicurezza mi sento onorata di aver incontrato e ringraziato il corpo della polizia locale di Genova, che ogni giorno è in servizio e attraverso di loro, a tutti gli agenti che lavorano nelle nostre città. È ancora chiaro il ricordo di quanto fatto da loro subito dopo il crollo, ma anche nei mesi successivi per le conseguenze dell’interruzione del collegamento. Il nastrino raffigurante il Ponte potrà essere sempre portato sulla loro divisa. ”

L’assessorato alla sicurezza della Regione Liguria, guidato da Sonia Viale, ha lavorato in questi cinque anni con grande impegno sugli ambiti di competenza regionale. Tra questi si ricorda l’istituzione della Giornata regionale della polizia locale, prevista il 3 maggio di ogni anno, il finanziamento dei corsi di formazione, lo stanziamento di 1 milione di euro per gli investimenti in sicurezza ai Comuni con popolazione superiore ai 15.000 abitanti. Ed ancora la videosorveglianza nel centro storico del Comune di Genova e l’istituzione del poligono virtuale al ‘Matitone’, la convenzione con l’Università di Genova per l’Osservatorio Regionale sulla sicurezza urbana e la legalità, e la pubblicazione ogni anno del Rapporto sulla sicurezza urbana in Liguria.

“Ricordo in particolare l’impegno della Polizia Locale di Genova in collaborazione con la Consulta per l’handicap nel lottare contro la falsificazione del CUDE (contrassegno unificato disabili europeo) che purtroppo è il segno di una inaccettabile inciviltà che giustamente la coscienza civile del Corpo combatte con particolare professionalitá e successo.” Conclude la Vicepresidente.