Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Regionali, Toti: “Sansa? Se qualcuno si rileggesse le preferenze attenuerebbe la sua autostima”

Il presidente rieletto ha sentito il premier Conte: "Gesto istituzionale che rimedia a rapporti poco garbati negli ultimi mesi"

Più informazioni su

Genova. “Sansa? Non l’ho sentito. Ma spero che sia un’opposizione migliore di quella che ho visto in campagna elettorale”. Il presidente ligure Giovanni Toti non risparmia bordate all’avversario nemmeno dopo la vittoria schiacciante alle urne. All’indomani del voto il governatore rieletto ha indetto una conferenza stampa per fare il punto sul futuro politico della Regione (e non solo).

Opposizione in campagna elettorale, ha attaccato Toti, “che è stata di pochi contenuti e molto sgradevole nella sostanza, con una piccola dose di superiorità morale. Se qualcuno andasse a rileggere le preferenze date dai liguri, forse attenuerebbe la sua autostima”, ha aggiunto. Ieri era stato proprio Sansa a promettere un’opposizione forte in consiglio. Il giornalista sarà comunque in consiglio regionale, primo dei candidati presidenti non eletti, e porterà con sé due componenti della propria lista.

Se Toti e Sansa non si sono sentiti, al presidente vincitore è arrivata invece la telefonata del premier Giuseppe Conte. “Ci siamo sentiti a tarda sera – ha spiegato -. Ho apprezzato il gesto istituzionale di grande garbo che in parte ritengo rimedi ad alcuni rapporti istituzionali un po’ meno garbati negli ultimi mesi da parte del governo. Lo ringrazio, si è complimentato per la vittoria, mi ha detto che la collaborazione per il bene del paese deve andare avanti come in questi mesi di lockdown, ci siamo dati appuntamento a Roma per parlare di recovery fund e del tema autostrade a noi molto caro”.

Sul telefono di Toti è apparso nelle scorse ore anche il numero di Silvio Berlusconi: “Con lui ho parlato a lungo questa mattina e lo ringrazio per il contributo e l’affetto e politico che mi ha dato. Non era scontato”. Ancora nessun colloquio, invece, con Matteo Salvini, leader nazionale della Lega che dovrà rivedere molte cose alla luce dei risultati in Liguria e in Veneto.