Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Regionali Liguria, Tosi (M5s): “Priorità per l’occupazione digitale, green economy e turismo”

"Il futuro del mondo del lavoro passa anche attraverso la formazione delle nuove professioni"

Più informazioni su

Genova. “Il futuro del mondo del lavoro passa anche attraverso la formazione delle nuove professioni. Siamo sicuri che ad accrescere le offerte di lavoro saranno i settori del digitale, della green economy e del turismo”. Lo dichiara il consigliere uscente e candidato alle regionali 2020 Fabio Tosi, richiamando i punti programmatici del M5S sui temi del lavoro e della formazione.

“Sappiamo tutti che nei prossimi anni sarà vitale guardare con attenzione ai fondi europei: noi proponiamo di riorganizzare la governance regionale con un servizio di Europrogettazione per aiutare concretamente imprese, comuni e cittadini a ottenere quei finanziamenti, garantendo al contempo la massima trasparenza nella gestione dei fondi. Per ottenere i quali vogliamo al contempo formare un ufficio dedicato ai piccoli Comuni liguri, che non riescono, per limiti di personale e budget, a realizzare progetti vincenti o comunque puntuali per accedere ai bandi”.

“Oltre ai Comuni, vanno poi assistite anche le micro-medie imprese nell’individuazione dei bandi adatti alle loro caratteristiche e nella conseguente progettazione, predisponendo delle antenne sul territorio che abbiano lo scopo di informarle puntualmente sulle opportunità dei fondi europei e di assisterle, grazie all’Europrogettazione, nell’ottenimento dei fondi”.

“Per le politiche del lavoro abbiamo un programma ambizioso e l’abbiamo scritto pensando ai reali bisogni del liguri e non ai facili slogan, che magari fanno colpo qui e subito ma che poi evaporano all’alba dei fatti. Un programma che convintamente crediamo possa essere concretizzato, con la collaborazione di tutte le parti. Siamo una Repubblica fondata sul lavoro ed è nostro dovere creare le condizioni ottimali perché non manchi, che risponda alle competenze acquisite e che i lavoratori godano di tutte le tutele del caso”, conclude Tosi, che ricorda: “E basta con i “modelli” altrui: per l’occupazione, come per la sanità, serve un modello cucito sulla pelle della nostra regione, che ha le sue esigenze, peculiarità e caratteristiche. Il modello Lombardia – come abbiamo letto stamane sui quotidiani – e di relative Giunte finite nelle aule di giustizia, lasciamolo ai lombardi”