Quantcast
Intervista

Regionali, le proposte di Carratù (Lega): “Priorità ai disabili per le visite, cure gratis per i cani”

Dal Municipio Centro Est al consiglio regionale? "Mi hanno chiesto di candidarmi per rappresentare la città di Genova"

Genova. Dal centro storico di Genova alla Regione Liguria. A tentare il “balzo” è Andrea Carratù, presidente del Municipio Centro Est e oggi candidato con la Lega alle prossime elezioni. Sposato con una figlia, 47 anni, piccolo imprenditore nel settore del commercio, ha deciso di scendere in campo perché “nello scorso ciclo Genova non era rappresentata se non da Edoardo Rixi, così è stato chiesto di candidarsi al presidente che rappresenta la parte più significativa della città”.

“Quello che mi piacerebbe portare avanti è la voce dei più deboli – spiega Carratù – Alcune categorie vanno tutelate più di altri, ad esempio la disabilità va affrontata in maniera seria per dare una mano alle famiglie”. Ed ecco alcune proposte concrete: “Penso a corridoi prioritari per l’accesso alle visite specialistiche e al pronto soccorso. Incentivare l’utilizzo centri estivi e aiutare a organizzare eventi nel weekend per non lasciare sole le famiglie. E poi incentivare momenti di aggregazione, molto utili per ritrovare la forma fisica e mentale”.

Per risollevare il commercio e il turismo, secondo Carratù che affronta la materia per lavoro, c’è una sola ricetta: “È necessaria una rete infrastrutturale decente in maniera tale che gente non trascorra più tempo in autostrada che in città. L’esperienza del ponte Morandi deve essere portata avanti per tutte le infrastrutture regionale. Bisogna fare in modo che tutto ciò che è stato progettato venga portato avanti nel più breve tempo possibile pretendendo a livello nazionale che la Liguria sia collegata col resto del mondo”.

C’è anche un punto dedicato agli animali: “Sono sempre più importanti per le famiglie, io stesso ho un cane che amo tantissimo e questo vale per molte persone, soprattutto gli anziani e coloro che sono in difficoltà economiche. Vorrei fare in modo che chi è sotto la soglia di reddito possa accedere gratuitamente alle cure per il proprio animale“. Carratù propone poi un riordino dell’anagrafe canina regionale e un “progetto ben articolato di sterilizzazione per evitare il randagismo”. Non solo per i cani, ma anche per i cinghiali: “Crediamo ci siano soluzioni meno cruente della caccia e ugualmente efficaci”.

Obiettivo bottino pieno per la Lega e Carratù confessa: “Ci auguriamo che la prossima sia una giunta a traino leghista. Dove interviene la Lega le cose vengono fatte in maniera sicura per i cittadini, portando avanti le richieste dei più deboli. Se si rafforza la Lega si dà intanto un messaggio di coerenza coi cinque anni passati e un messaggio nazionale al governo Conte, che prepari le valigie”.

leggi anche
  • Animali
    L’assessore Ferro ripesca l’idea: “Un ospedale veterinario gratuito per chi non può pagare”