Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Morto il critico d’arte Philippe Daverio, suo uno dei più completi racconti su Genova

L'intellettuale aveva sempre osservato con attenzione la storia della nostra città ed era amante delle due riviere

Più informazioni su

Genova. Con il suo programma televisivo cult, aperto dalla colonna sonora dei film di Alfred Hitchcock, aveva raccontato – nel 2013 – Genova e la sua grande storia. E fu soltanto una delle dichiarazioni d’amore (e di delusione) che riservò alla nostra città.

Philippe Daverio, critico teatrale, docente, intellettuale a tutto tondo, conduttore televisivo, arbiter elegantiarum – marchio di stile i suoi occhiali rotondi e i suoi gilet variopinti – si è spento questa notte all’Istituto dei tumori di Milano. Aveva 71 anni.

Lo ha reso noto la regista e direttrice del Franco Parenti Andree Ruth Shammah. Docente e saggista, ex assessore alla Cultura del Comune di Milano, riporta l’Ansa.

A Genova e in Liguria era stato protagonista di monologhi teatrali, incontri e tavole rotonde. Tra palazzo Ducale e i luoghi della cultura delle riviere, che lui amava molto. Cosa non amava, invece, era l’uso del cemento che aveva segnato lo sviluppo del capoluogo ligure nel 1900. Dalla soprelevata a ponte Morandi, sosteneva che avesse eliminato lo spirito monumentale dell’architettura.

Il ricordo dell’ex presidente della fondazione Palazzo Ducale Luca Borzani: “È un dolore la morte di Philippe Daverio, fino a pochi anni fa ospite fisso a Palazzo Ducale. Un uomo che era un’avventura incontrare ogni volta, in grado di condurre per mano un grande pubblico a scoprire quanto importante sia la bellezza e insieme la conoscenza, l ironia, il rispetto della cosa pubblica. Un grande innovatore della comunicazione sull arte capace di tenere insieme qualità e comprensione per tutti. L opposto di una cultura elitaria come della logica del puro consumo di massa. In tanti cercarono di copiarlo. Ma nessuno ci riuscì. Perché era sempre capace di essere un passo avanti. Sara” una vera mancanza pet questo paese“.

E di quello attuale, Luca Bizzarri: “Mi dispiace molto per la morte di Philippe Daverio, una delle persone più simpatiche, colte e un grande raccontatore di storie. Pasteggiò a Gin Tonic, così, per comprendere la grandezza“.