Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Minacciano tre coetanei con una pistola ad aria compressa: denunciati un 18enne e un minore

I due non avevano gradito che i giovani turisti avessero chiesto informazioni alle ragazze della loro compagnia

Più informazioni su

Genova. Hanno minacciato tre giovani milanesi, colpevoli di aver chiesto informazioni alle ragazze del loro gruppo con una pistola ad aria compressa a cui avevano tolto il tappo rosso.

Per questo i poliziotti del commissariato di Rapallo hanno denunciato un 18enne di origini albanesi e un 17enne italiano, entrambi residenti a Rapallo, per minacce aggravate dall’uso delle armi, lesioni personali e, solo il maggiorenne, per porto ingiustificato di armi o oggetti atti ad offendere.

I fatti risalgono allo scorso 29 agosto quando tre giovani milanesi, in vacanza a Rapallo, avevano incontrato nei pressi del porto alcune ragazze, alle quali avevano chiesto consiglio circa una spiaggia dove poter trascorrere la serata, ottenendo in risposta le indicazioni per la spiaggia di S.Michele di Pagana.

L’incontro è stato però notato dai due indagati che, evidentemente, non hanno gradito che i “foresti” avessero osato avvicinare le ragazze del loro gruppo. Poco dopo, infatti, a bordo di uno scooter ottenuto in prestito da un amico, hanno avvicinato i giovani turisti intimandogli di stare lontano dalle “loro” ragazze e, per essere più convincenti, hanno estratto una pistola ad aria compressa, priva del tappo rosso, esplodendo un colpo nella loro direzione.

I ragazzi, convinti che l’arma fosse vera, si sono dati a precipitosa fuga arrivando a scavalcare una recinzione per rifugiarsi in un giardino privato. Durante la corsa uno dei tre è caduto ferendosi ad una gamba, procurandosi ferite medicate presso l’ospedale di Lavagna.

A seguito della denuncia presentata la sera stessa dai ragazzi, gli agenti hanno visionato le immagini del sistema di videosorveglianza cittadino, grazie alle quali è stato possibile risalire all’identità dei due aggressori.

Nell’abitazione del maggiorenne è stata successivamente trovata e sequestrata la pistola ad aria compressa con tre bombolette di gas e un barattolo di pallini.