Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

L’ordine dei medici di Genova al voto con una lista unitaria: “Deontologia, informazione e formazione”

Verso la riconferma la presidenza ad Alessandro Bonsignore per i medici e Massimo Gaggero per l'albo odontoiatri

Più informazioni su

Genova. “Una lista unica, segnale di grande coesione e nel segno della continuità con il mandato precedente, che si è cementato e ha dato il massimo impegno specialmente nel periodo del Covid-19 e in queste settimane”. Così Alessandro Bonsignore, presidente dell’ordine dei medici di Genova in vista delle elezioni dell’ente in programma da venerdì 18 a martedì 22 settembre.

In base alla legge Lorenzin la durata delle cariche non sarà più triennale ma quadriennale. Cambierà anche il numero dei componenti del collegio dei revisori, da quattro a tre, perché una figura dovrà essere esterna. Impossibile, sempre per legge, rinviare le elezioni di un anno, la chiamata alle urne è stata anticipata di un paio di mesi per evitare che la consultazione potesse cadere durante un’ipotetica seconda ondata di coronavirus.

La lista presentata si chiama “L’ordine con gli iscritti”. Capolista e presidente è appunto il Alessandro Bonsignore, che proprio in queste ore ha avuto il compito di portare avanti un dialogo con Regione Liguria sul tema caldo della riapertura delle scuole. In lista anche la medico legale Monica Puttini, l’ortopedico Federico Pinacci, il direttore della Asl 3 Carlo Bottaro. Per la commissione albo odontoiatri capolista Massimo Gaggero.

La difesa della professione contro l’abusivismo e per chiedere alle istituzioni un maggior coinvolgimento nei processi decisionali, tra i punti nel programma della lista “L’ordine con gli iscritti” ma anche un rinnovato impegno nella diffusione di informazioni corrette, il supporto al progetto per l’insegnamento della medicina nei licei (si è completato il primo ciclo del progetto che ha coinvolto a Genova lo scientifico Fermi) e poi ancora la richiesta di migliori condizioni del lavoro medico, sia in ambito pubblico sia in ambito privato.