Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Il genovese Giovanni Sciaccaluga è campione italiano di nuoto paralimpico in acque libere

Ha percorso un miglio e mezzo ad Alghero e ha conquistato il titolo nazionale dopo mesi di lockdown

Più informazioni su

Genova. Giovanni Sciaccaluga, genovese classe ’94, è il nuovo campione italiano di nuoto paralimpico in acque libere. Il titolo è arrivato lo scorso 19 settembre nella cornice di Alghero, prima manifestazione organizzata dalla Finp dopo il lungo periodo di lockdown che ha costretto gli atleti a stare lontani dall’acqua.

Due le distanze in programma con due diversi raggruppamenti in funzione delle classi sportive: la 1300 m, per gli atleti da S3 a S6, e la 3500 m, per gli atleti da S7 a S10 e da S11 a S13.

Negli ultimi mesi il 26enne genovese, detto Dustin, si è aggregato alla prima squadra di nuoto in acque libere della Nuotatori Genovesi, sotto la guida del tecnico Filippo Tassara, proprio con l’obiettivo di preparare al meglio questo appuntamento, stando a stretto contatto con chi è abituato a macinare quotidianamente chilometri e chilometri di bracciate.

“E’ stata una grande emozione essendo la mia prima gara – racconta Sciaccaluga a Genova24 – Nuotare nel mare della Sardegna ti da più carica nel disputare la gara al meglio. Il mio approccio al nuoto di fondo è stato un po’ grazie al mio compagno di squadra Edoardo Stocchino che mi vedeva non convinto di quello che facevo nei mesi precedenti e mi chiese se volevo venire ad allenarmi con Filippo Tassara nel nuoto di fondo, io non ci ho pensato un secondo e ho risposto di sì. Con il mio allenatore ho un bellissimo rapporto, c’è stato subito feeling già dal mio giorno che mi ha allenato. Durante il lockdown mi sono allenato a secco con esercizi di isometria, stretching e facendo tanta cyclatte, non ho saltato un giorno di allenamento”.

Sciaccaluga ha disputato la gara sui 1300 metri classificandosi al primo posto assoluto, coprendo il percorso in 24 minuti e 10 secondi e battendo tutta la concorrenza. Sul podio con lui salgono Mattia Prodomo (Lazio Nuoto), con il tempo di 26’10”, e Giuseppe Cotticelli (Centro Sportivo Portici), con il tempo di 26’32”. Oltre al titolo italiano assoluto, Sciaccaluga si è ovviamente classificato primo anche nella sua categoria, la S5.

“Dustin si è presentato a questo campionato italiano dopo una preparazione estiva seria, ben programmata – spiega il ct della nazionale Filippo Tassara -. Era la sua prima gara in acque libere e a questo abbiamo cercato di ovviare con allenamenti nel mar Ligure, in modo da creare quel minimo di esperienza nel seguire le rotte. Ad Alghero si è trovato a percorrere un triangolo nel mezzo di Porto Conte, uno dei luoghi più belli al mondo. Poco più di quattrocento metri per lato da nuotare in senso antiorario. Subito il nuotatore genovese si distende, seguito da Prodomo e Cotticelli. Scatenato dalla metà gara alla fine, Dustin vince in solitaria, rifilando 2 minuti al secondo classificato. Bravo Giovanni, l’impegno negli allenamenti estivi ti ha ripagato”.

“Ora – conclude Sciaccaluga – spero che il nuoto di fondo a livello paralimpico si sviluppi al meglio per essere una disciplina olimpica. Ci vorrà tempo. Tuttora il mio primo obiettivo è andare alle olimpiadi di Tokyo in piscina, poi in futuro penserò chiaramente anche alle gare di fondo”.