Quantcast
Il presidente

Genova Calcio, Marco Vacca: “La squadra è giovane, ma i ragazzi ci mettono tanta voglia” fotogallery

Il presidente si mostra soddisfatto dopo il test odierno con la Lavagnese

Genova. Nel pomeriggio di oggi, sabato 5 settembre, con inizio alle ore 17, al Ferrando di Genova Campi si è disputata una partita amichevole tra la Genova Calcio e la Lavagnese. I bianconeri, che militano in Serie D, hanno fatto valere la differenza di categoria imponendosi per 1 a 0 sui padroni di casa, i quali, però, hanno fornito una prestazione positiva.

Marco Vacca, presidente della Genova Calcio, nell’intervista realizzata dall’addetta stampa della società, commenta: “Siamo soddisfatti, anche se oggi avevamo tre o quattro giocatori fuori per affaticamenti ed infortuni. Siamo molto contenti perché è una squadra molto giovane però che sta offrendo molti spunti di interesse, questi ragazzi ci mettono energia e voglia. Mister Maisano lo conosciamo, è una persona molto esigente però vedo che i ragazzi si prestano molto volentieri alle sue ‘cure’, si impegnano molto, e di questo dobbiamo dar loro atto. Hanno iniziato dal 10 agosto. Siamo molto contenti di questo svecchiamento che abbiamo dovuto compiere; chiaramente non ci aspettiamo risultati eclatanti, però siamo convinti di poter fare un buon campionato, di far bene e poi, ovviamente, qualsiasi cosa possa venirne fuori saremo felici di rimanere sorpresi ed anzi lavoreremo per sorprendere tutte le persone che ci sostengono e ci danno una mano”.

L’allenamento congiunto è stato a giocato a ritmi abbastanza elevati, segno di una preparazione atletica buona. “Loro sono una squadra che fa la Serie D, quindi sicuramente è stato un bel test – afferma Marco Vacca -. Il risultato ha pochissima importanza, è un allenamento quindi non fa testo, però per tutta la durata dell’allenamento c’è stata una grandissima intensità e i ragazzi si sono dimostrati all’altezza. Stiamo anche cominciando a vedere delle individualità importanti; anche i ragazzi, soprattutto i più giovani, i 2002. Sapevamo di avere dei buoni prodotti in casa, quindi ci aspettavamo qualcosina; stanno rispettando le aspettative perché effettivamente sono ragazzi che hanno un certo valore anche dal punto di vista serietà, non soltanto dal punto di vista tecnico. Sono ragazzi che si impegnano, sono seri, siamo contenti che la nostra scuola produca dei ragazzi così“.

“Colgo l’occasione – conclude il presidente – per fare i complimenti a tutte le persone che si stanno impegnando, dalla scuola calcio al settore giovanile, per gli open day, per i campi, perché il protocollo da seguire è molto impegnativo. Grazie ai genitori che ci danno una mano e ai ragazzi che si stanno comportando seriamente e quindi ci danno retta. Non è facile, perché noi siamo impegnati su tre campi: è impegnativo ma ce la faremo“.