Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genoa, ecco il secondo urrà: la Carrarese si illude, ma Masiello al 90′ realizza il definitivo 2-1

Dopo una partita combattuta e impreziosita da qualche emozione, i rossoblù sono riusciti a prevalere nel finale

Più informazioni su

Genova. Altra giornata e altra amichevole per i genovesi allenati da Rolando Maran, che oggi ha potuto mettere alla prova anche le seconde linee della folta rosa di cui dispone. Dopo la vittoria di ieri ottenuta ai danni del Carpi, il Genoa ha infatti affrontato sul campo della Sciorba la Carrarese, formazione toscana allenata da Silvio Baldini che ha ottenuto risultati piuttosto soddisfacenti nell’ultimo campionato di Serie C.

Ancora una volta i rossoblù si sono schierati con il 3-5-2, modulo che il tecnico sembra aver scelto per presentare la sua filosofia di gioco. La Carrarese invece si è presentata nel capoluogo ligure schierando il classico 4-3-3, schema che ha permesso agli ospiti di mettere in pratica un gioco veloce e propositivo.

La partita di oggi è sicuramente stata utile per permettere agli allenatori delle due squadre di scegliere i giocatori sui quali puntare per la prossima stagione, oltre ad aggiungere ulteriori minuti nelle gambe a coloro i quali rappresenteranno lo zoccolo duro delle rispettive formazioni. Ancora una volta per i rossoblù era vietato sottovalutare gli avversari che, nonostante le due categorie di differenza, erano pronti a stupire con le fiammate dei propri giocatori di maggior talento.

Alla fine però a gioire è stata la compagine di Maran che, anche se ha accusato qualche difficoltà, è riuscita ad ottenere il massimo. 2-1 il risultato finale, con Bianchi e Masiello che hanno ribaltato l’iniziale vantaggio di Caccavallo. Il match ha assistito anche a diverse fasi di transizione, ma tutto ciò è comprensibile visto che, dopotutto, si trattava di un’amichevole precampionato.

Il Genoa dal canto suo, come detto, si presentava con diverse secondo linee e con molti ragazzi della primavera: Marchetti, Masiello, Curado, Jaroszinski, Brlek, Jagiello, Rovella, Eboa, Valietti, Bianchi e Spinelli, questo l’undici titolare. Gli ospiti invece hanno risposto con: Mazzini, Grassini, Imperiale, Murolo, Foresta, Pasciuti, Rota, Schirò, Calderini, Caccavallo e Infantino.

Pronti via e la Carrarese è subito riuscita a trovare il vantaggio grazie all’incredibile errore di Marchetti che, invece di servire un suo compagno, ha passato il pallone a Caccavallo il quale, da due passi, non si è fatto impietosire. Successivamente sono stati ancora gli uomini di Baldini i più pericolosi, con i padroni di casa in evidente difficoltà. Al 38′ però la storia del match ha assunto un’altra fisionomia grazie a Flavio Bianchi, abile con un tocco morbido a sfruttare l’incertezza della difesa dei toscani.

È terminato così sull’1-1 un primo tempo gradevole, con qualche fase priva di emozioni (come già detto) anche a causa dei classici carichi di lavoro che caratterizzano la preparazione atletica precampionato. Nella seconda frazione il Genoa è poi sceso in campo con un altro piglio, che ha permesso ai padroni di casa (dopo la classica girandola di cambi) di spuntarla grazie al tap-in vincente di Masiello, abile a ribadire in rete la ribattuta del tiro del compagno Pinamonti (tornato in campo dopo gli impegni con l’Under 21).

2-1 quindi il risultato finale, anche se il punteggio conta relativamente. Maran era infatti alla ricerca di risposte che sicuramente avrà ottenuto da alcuni, mentre altri sembrano ormai destinati a lasciare la piazza. Nel frattempo i rossoblù si stanno scatenando sul mercato, con diverse indiscrezioni che vorrebbero il match winner di ieri Favilli coinvolto in una trattativa di scambio che dovrebbe portare Stepinski all’ombra della Lanterna. Staremo a vedere.