Quantcast
Colpo di scena?

Palasport e Waterfront Levante, il consiglio di Stato apre agli olandesi ma il Comune: “Lavori procedono”

La guerra legale va avanti ormai da mesi, la società Oudendal non ci sta a essere stata esclusa dal progetto a favore dei bresciani di Cds

Genova. La doccia è stata fredda ma da Tursi sono tiepidamente positivi. “Il progetto di riqualificazione della fiera e del palasport vanno avanti, credo che quello di Oudendal si rivelerà un ricorso temerario e inammissibile, ma aspettiamo l’udienza del 21 gennaio”, così l’assessore ai Lavori pubblici e vicesindaco di Genova Pietro Piciocchi rassicura i cittadini sull’avanzamento del waterfront Levante nonostante il Consiglio di Stato abbia stabilito un approfondimento del ricorso, bocciato invece dal Tar, da parte del gruppo olandese Oudendal.

La battaglia legale riguarda l’assegnazione dei lavori di realizzazione dell’intero progetto e ricade soprattutto sulla parte relativa al palasport, poiché i ricorrenti l’hanno lanciata contro il Comune di Genova e la partecipata immobiliare Spim nei confronti di Cds Holding, la società bresciana a cui sono stati assegnati i lavori.

L’ordinanza del Consiglio di Stato tuttavia non blocca i cantieri – per ora i lavori cominciati sono quelli di urbanizzazione portati avanti dalla pubblica amministrazione, a partire dal nuovo canale navigabile – né la richiesta di autorizzazione a costruire da parte di Cds. “Il collegio ha deciso di concedere la misura cautelare – spiega Piciocchi – limitatamente all’attività amministrativa prodromica alla stipulazione del contratto di compravendita immobiliare con Cds holding, contratto che però è già stato firmato il 15 luglio scorso ed era agli atti”.

Tecnicamente il Consiglio di Stato ha accolto la richiesta della holding olandese, sospendendo la sentenza di primo grado del Tar ligure e fissando una nuova udienza per il 21 gennaio 2021 per la decisione del merito. “Il provvedimento di esclusione dell’appellante Oudendal Groep dalla procedura indetta dal Comune di Genova non è ancora definitivo – scrive la Quinta Sezione del Consiglio di Stato nella sua ordinanza – per l’attuale pendenza del giudizio in grado di appello”.

A questo punto è tutto rinviato all’udienza del 21 gennaioo 2021, ma l’amministrazione comunale sembra essere piuttosto tranquilla. Oudendal, ricorda il vicesindaco, venne esclusa dalla gara perché presentò un progetto incompatibile con quello del Waterfront di Renzo Piano e anche con le indicazioni del Puc.