Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Espulso dal centro di accoglienza, minaccia di morte la responsabile: “Ti taglio la gola”

Gli agenti per fermarlo hanno dovuto utilizzare lo spray al peperoncino. Erano stati i servizi sociali del Comune a revocare la misura dell'accoglienza

Più informazioni su

Genova. Era stato allontanato da un centro di accoglienza del ponente genovese a causa di ripetuti atti di violenza contro i dipendenti. La decisione, presa dai settore gestione servizi sociali del Comune di Genova ha scatenato la rabbia di un 20enne originario della nuova Guinea.

Domenica il ragazzo come per vendicarsi, ha cercato di entrare a forza dentro la struttura sfondando una porta tagliafuoco con un bilanciere da palestra senza però riuscire ad entrare nei locali.

Ieri pomeriggio si è ripresentato con fare minaccioso davanti alla porta del centro urlando contro la responsabile: “Ti taglio la gola, appena torno ti stacco la testa e ti ammazzo bastarda”.

A quel punto la donna ha chiamato la polizia.

Il giovane nonostante l’intervento degli agenti ha continuato a minacciare i gestori della struttura e i poliziotti stessi che sono riusciti a contenerlo ricorrendo allo spray al peperoncino. Il 20enne sarà giudicato per direttissima