Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Entroterra, Muscatello (FI-Liguria Popolare): in Liguria servono le Zone economiche appenniniche

Le Zone Economiche Appeniniche (Zea) abbiano lo stesso trattamento delle Zone Franche Urbane (Zfu)

Genova. Salvatore Muscatello, candidato per Forza Italia-Liguria Popolare, propone una soluzione per i Comuni a rischio spopolamento (con perdite demografiche superiori al 50% dal censimento del 1971), i Comuni periferici e ultra-periferici: sarà prevista l’introduzione dell’aliquota agevolata flat tax (tassazione sostitutiva) per le piccole e medie imprese senza limiti di fatturato.

Le agevolazioni consistono in una aliquota agevolata delle imposte sui redditi; esenzione dall’Irap; esenzione dall’imposta municipale propria; esonero dal versamento dei contributi sulle retribuzioni da lavoro dipendente.

L’obiettivo del legislatore dovrà essere quello di estendere l’ammissibilità ai benefici ad aree urbane, caratterizzate da significativi fenomeni di disagio sociale.

Si ritiene che la Liguria stia attraversando una fase economica e sociale difficile, definita il sud delle regioni del Nord. Il dissesto idrogeologico, la crisi finanziaria, la carenza di infrastrutture, la caduta degli investimenti e dei consumi interni producono effetti negativi nel comportamento dei diversi soggetti agenti (famiglie, imprese, pubblica amministrazione).

È evidente che il problema non è solo Ligure ma di carattere nazionale, visto che oramai da anni l’Italia si attesta sui livelli più bassi di crescita dell’area Euro. La nostra regione però resta con un tasso di crescita più basso rispetto a quello delle altre regioni del Nord.

Pertanto la Liguria necessita interventi strutturali da parte del legislatore finalizzati alla ripresa economica e sociale con insediamento e recupero di attività produttive sul territorio. Occorre individuare le Zone Economiche Appeniniche (Zea) che abbiano lo stesso trattamento delle Zone Franche Urbane (Zfu) insediate al Sud ma con finalità di recupero delle aree industriali dismesse e incentivi occupazionali, in particolare nell’entroterra ligure.

La Regione Liguria dovrà individuare le aree interessate che rientrano nel progetto di recupero. Pertanto questi piccoli centri, presto si trasformeranno in zone a fiscalità di vantaggio al fine di consentire alle imprese e agli investitori di aprire le attività produttive ma soprattutto consentire ai tanti giovani liguri che hanno lasciato la Liguria di rientrare, incrementando i livelli occupazionali.

Il legislatore ha l’obbligo di individuare le misure idonee per favorire la crescita economica in Liguria, favorendo gli investimenti e l’occupazione.