Quantcast
Dalle 15

“E’ già settembre, costruiamo la scuola che non c’è”: sabato assemblea a Sarzano

Il movimento riunisce genitori, studenti universitari, insegnanti e medici attorno a tre parole chiave: scuola, salute e sicurezza ai tempi del Covid ma non solo

Genova. Un appuntamento in piazza per parlare di scuola: si terrà domani pomeriggio dalle 15 in piazza Sarzano nell’aula san Salvatore l’incontro organizzato dal movimento “E’ già settembre” con un obiettivo: “creare una rete capace di connettere i problemi e creare proposte di soluzione” per “costruire la scuola che non c’è“.
Il movimento, che riunisce genitori, insegnanti, medici, studenti universitari, torna a farsi sentire dopo l’appuntamento di luglio.

“Dopo anni di tagli selvaggi, esigiamo una finanziaria solo per la scuola che non si limiti a riprodurre quella di prima aggiungendo banchi mobili, telecamere, gel igienizzanti e mascherine, ma inventi la scuola che non c’è, a Genova, in Liguria, in Italia – scrivono gli organizzatori sulla pagina fb dell’appuntamento – Discorso analogo vale per università, ricerca e formazione, beni anche questi comuni e relazionali e anche questi vivisezionati e frantumati da anni di riforme all’insegna di aziendalizzazione, selezione, valutazione e competitività, cioè di una gara infinita e solitaria con sè stessi e contro altri”.

Tre i tavoli di lavoro intorno a tre parole chiave: salute, scuola e sicurezza. Si parlerà di scuola d’infanzia e primaria, di scuola media e superiore, e di Università e ricerca.

“Adesso che i soldi ci sono, o ci saranno, c’è bisogno di una mobilitazione che rivendichi l’irrobustimento dello stato sociale, assunzioni di personale scolastico, spazi e innovazione per la scuola, spirito universalistico per la sanità, attenzione alla qualità ambientale”.