Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Domenica 20 settembre pratica di yoga solidale all’aperto ai “giardini di plastica”

Appuntamento dalle 18 alle 19e30, basta portare un tappetino. La pratica collettiva è gratuita

Più informazioni su

Genova. Dopo la raccolta di rifiuti dello scorso fine settimana, proseguono le iniziative nell’ambito del ciclo di Ri-Plastica, organizzate dall’associazione Giardini di Plastica per contribuire a far rivivere i giardini Baltimora, spazio troppo a lungo abbandonato e degradato ai piedi dei grattacieli della Regione, in pieno centro città.

Questa domenica 20 settembre, dalle 18 e 19e30, l’appuntamento è con un’altra associazione che fa dell’impegno collettivo uno dei suoi credo, Yoga Solidale Genova. Nel tardo pomeriggio si svolgerà una pratica di yoga gratuita per il puro piacere della condivisione. “Dopo aver pulito i giardini, possiamo ora dedicarci alla nostra salute fisica e mentale in connessione con la natura e gli altri”.

Per partecipare basta portare il proprio materassino oppure un asciugamano spesso, vestirsi comodamente e avere voglia di trascorrere del tempo con gli altri, sempre rispettando le norme del distanziamento sociale. Sarà possibile praticare yoga a un livello adatto a tutti, anche ai neofiti, e alla fine si potrà sorseggiare insieme, per conoscersi, una buona tisana.

“L’associazione Giardini di Plastica nasce nel 2013 con l’intento di prendersi cura dell’area verde nella sua totalità, sia per quanto riguarda gli aspetti di pulizia e mantenimento del verde e delle dotazioni di arredo urbano, sia per relazionarsi con le istituzioni al fine di intraprendere con esse un percorso di rivalutazione del parco urbano. Genova infatti possiede ben pochi spazi pubblici e tra questi le aree verdi sono particolarmente rare, soprattutto nel centro storico: i Giardini di Plastica risultano l’unico importante “polmone verde” della città antica. Tuttavia risultano ad oggi uno spazio il cui funzionamento è inibito sotto molti aspetti e la cui cattiva fama impedisce il riconoscimento delle sue potenzialità”.

“Per noi – dicono dall’associazione – un gruppo di ragazzi eterogeneo ed entusiasta, i Giardini invece hanno sempre rappresentato una potenziale zona di divertimento e sosta, un luogo da vivere per i cittadini, una ricchezza per tutti. Per questo dal 2010 abbiamo iniziato a dedicare parte del nostro tempo libero all’area e a organizzare giornate di pulizia e piccoli eventi che facessero emergere la bellezza del luogo. Partendo da una convenzione firmata con il Municipio 1 Centro Est di Genova, per l’Affido e l’Adozione dell’area verde, abbiamo dato l’avvio ad un ampio progetto di rivalutazione, che abbiamo chiamato Down Plastic Town con l’obiettivo di valorizzare il parco”.