Quantcast
Patto col territorio

Cristina Cecconi, tour in valle Stura e val d’Orba per valorizzare l’economia dell’entroterra

Collegamenti stradali e autostradali obsoleti, difficoltà ad avere servizi sanitari, isolamento sono alcuni dei problemi della zona

Genova. Riceviamo e pubblichiamo il comunicato congiunto del circolo territoriale Genova di Fratelli d’Italia “Pino Cecconi” e del comitato elettorale Cristina Cecconi, candidata alle regionali liguri.

“Domenica 06/09/2020, i membri del Direttivo del Circolo hanno accompagnato Cristina Cecconi in un giro per le valli del nostro entroterra, che ha toccato come tappe principali Rossiglione e Tiglieto. Il nostro Presidente Rossano Di Domenico, già consigliere di minoranza a Tiglieto, ci ha fatto incontrare il Consigliere Delegato alla Protezione Civile Paolo Priano, la sua famiglia ed elettori del luogo, con i quali abbiamo discusso dei problemi di chi, come lui, vive a Tiglieto ma lavora a Genova.

Tiglieto è sede di beni culturali di valore (la Chiesa Parrocchiale, la Badia Cistercense, la prima in Italia, il ponte romano) e di una bellezza paesaggistica di richiamo e da incentivare, nel quadro del richiamo turistico ligure. I problemi – non di inquinamento essendovi un’aria purissima – sono legati ai collegamenti stradali, autostradali e ferroviari, come anche del rigore del clima invernale.

I collegamenti stradali obsoleti creano anche gravi complicazioni nell’assistenza medica d’urgenza: quindi interventi viari e presidi di primo soccorso sono due urgenze esiziali. Abbiamo parlato degli antichi mestieri delle valli, come quello del boscaiolo, della famiglia di Paolo, e di come la sua versione moderna possa concorrere a sfruttare, in centrali termiche apposite, le biomasse boschive, il nostro petrolio, ripulendo il bosco ed evitando così tre flagelli che lui, Consigliere Delegato alla Protezione Civile, è stato chiamato ad affrontare più volte: gli incendi, le frane e le acque incontrollate.

La pulizia del bosco consente di creare zone accessibili, dare sfogo alle acque, bloccare gli incendi, sfruttare le risorse rinnovabili. Più complessa la questione dello sfruttamento termico delle biomasse. Ci è venuto in mente di chiedere a Gianni Alemanno, già Ministro delle Risorse Agricole e Forestali, presente all’inaugurazione del Point Elettorale di Cristina Cecconi sabato, come anche ai senatori Ignazio La Russa e Daniela Santanchè e all’europarlamentare Carlo Fidanza (già direttore di InLiguria, l’agenzia turistica regionale), che hanno tutti dato la loro disponibilità a collaborare, quali proposte regionali – puntuali e non generiche – Cristina potrà fare per l’utilizzo dei fondi europei, facendolo anche diventare, a breve, un convegno e una occasione di riflessione e discussione per le autorità, le forze politiche e tutte le persone di buona volontà”.