Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Covid, Orlando: “Messaggi sbagliati della Regione hanno portato ad atteggiamenti sbagliati dei cittadini”

Secondo il vicesegretario del Pd "il vero referendum del 20 e 21 settembre in Liguria è quello sulla scelta tra sanità pubblica e sanità privata"

Genova. Non la tocca piano Andrea Orlando, vicesegretario del Pd, sul tema più scottante della campagna elettorale, quello della sanità e – in queste ore più che mai – quello dell’epidemia di Coronavirus: “La Regione – afferma – dovrebbe smetterla di far passare il messaggio secondo cui le misure assunte dal governo sono eccessive perché questo messaggio ha incoraggiato atteggiamenti sbagliati da parte dei cittadini”.

L’esponente Dem, in Val Bisagno a Genova per un’iniziativa di campagna elettorale insieme al candidato Ferruccio Sansa, aggiunge: “La Regione dovrebbe dire con chiarezza che si fermano i processi di privatizzazione della sanità, perché se abbiamo iniziato a sconfiggere il coronavirus è perché in Italia c’è una sanità pubblica e in Liguria non è riuscito ancora ad andare avanti un processo di privatizzazione della sanità”.

Orlando aggiunge: “Credo che i liguri debbano sapere con molta chiarezza che il vero referendum che si consumerà con il voto del 20 e 21 settembre è se si vuole una sanità pubblica o si vuole una sanità privata”.

In vista del voto, “la partita è in salita perché veniamo da anni di sconfitte – afferma il vicesegretario del Pd – ma questo non significa che non sia ancora aperta, chi dà la partita per decisa e chiusa non fa i conti con il fatto che ogni sondaggio, anche quelli più sfavorevoli al centrosinistra, dà un numero di indecisi che non ha precedenti nelle tornate elettorali alle nostre spalle, stiamo facendo una campagna elettorale completamente nuova per tutti e prima di dire che l’esito è segnato, se fossi nella destra, conterei fino a dieci. Credo che se sapremo far riflettere bene i liguri sulla partita e su quello che li attende da un’eventuale prosecuzione dell’esperienza della destra si può fare molto e si può vincere”.

Nei prossimi giorni, anticipa Orlando, in Liguria arriverà anche il segretario dem Zingaretti. “Non c’è alcuna solitudine di Sansa, c’è un’escalation fisiologica della campagna elettorale”.