Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Covid, la Francia abbassa la quarantena a 7 giorni. Bassetti: “Ragionevole accorciarla”

Il virologo genovese: "I sintomi insorgono entro 4-5 giorni, non ha senso bloccare un Paese ma ora diranno che i francesi sono negazionisti"

Più informazioni su

Genova. “La Francia cambia la durata della quarantena passando da 14 a 7 giorni affermando che la contagiosità e la carica virale è massima nei primi 5 giorni e poi si abbassa fino a non essere più significativa e quindi i soggetti non sono più contagiosi. Ora diranno che i francesi sono negazionisti”.

Secondo Matteo Bassetti, direttore della clinica di Malattie infettive al policlinico San Martino di Genova, è “ragionevole pensare a un cambiamento del periodo di quarantena”. Lo scrive sulla sua pagina di Facebook tornando a citare anche il Cdc di Atlanta, importante ente scientifico per la cura delle epidemia. “Anche i francesi danno ragione al CDC che dice che dopo 10 giorni gli asintomatici non sono più contagiosi”.

“Abbassare la quarantena per non bloccare un intero paese è sensato – secondo Bassetti – la maggioranza delle persone manifesta sintomi in 4 o 5 giorni e moltissimi rischiano di finire in quarantena per 14 giorni quando non serve”.

E ha aggiunto, parlando all’Ansa: “Se la Francia abbassa a 7 giorni ma a Ventimiglia restano i 14 giorni allora non ha senso”. Ripensare i giorni di quarantena, ha detto ancora Bassetti, “fa parte degli atteggiamenti di convivenza con il virus”.