Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Covid, casi in aumento a Genova: mascherina obbligatoria h24 in centro storico e porto antico

Bucci: "Scatteranno controlli severi nei locali, misure più stringenti per evitare di castigare l'economia della città"

Genova. 62 contagi nelle ultime 24 ore a Genova, la metà dei quali legati a cittadini di nazionalità straniera nel centro storico. 40 di questi 63 casi sono stati contatti di caso. Per questo la Regione, di concerto con il Comune, ha deciso di redigere un’ordinanza l’obbligo di mascherina 24 ore su 24, non solo nelle vicinanze dei locali, ma estesa a tutto il centro storico e al Porto Antico perché in quell’area si registra il maggior numero di contagi.

SCARICA QUI IL TESTO DELL’ORDINANZA

“Abbiamo la presenza di un potenziale cluster nel centro storico quindi per salvaguardare la salute di chi ci vive e quella di tutta la città abbiamo deciso di prendere determinate misure precauzionali, come già è accaduto alla Spezia, e non appena sarà firmata l’ordinanza regionale, entro questa sera, estenderemo l’uso della mascherina, all’aperto, 24 ore su 24, indipendentemente dalla distanza interpersonale, in un’area a semicerchio tra il porto antico, la stazione Principe, Matteotti e via Ravasco”, ha detto il sindaco di Genova Marco Bucci durante il punto stampa Covid. “La mascherina non dovrà essere portata, come già accade, da chi pratica attività sportiva”, precisa.

Ecco i confini della zona interessata: “Abbiamo definito un’area che viene iscritta tra l’ingresso doganale della Stazione Marittima a via Fanti d’Italia fino alla Stazione Principe, poi verso via Balbi fino a piazza della Annunziata, e ancora tra Zecca, Cairoli, Garibaldi, Fontane Marose, via XXV Aprile, Matteotti, porta Soprana, via Del Colle, Ravasco e via Madre di Dio, fino al porto antico”, spiega Bucci.

Interessati, in sostanza, tutti i vicoli del centro storico e il porto antico. “La movida sarà possibile – dice – ma bisognerà farla utilizzando la mascherina, ci saranno controlli, anche severi nei locali, saranno possibili chiusure per chi dovesse sgarrare, ma dobbiamo applicare misure più restrittive per evitare di castigare ulteriormente l’economia”. Non ci saranno variazioni per quanto riguarda gli spazi al chiuso, dove già la mascherina e obbligatoria, salvo durante la consumazioni di cibi e bevande, né per quanto riguarda i dehors.

“Nell’area dell’ordinanza – afferma il sindaco – chiediamo il rispetto delle regole perché così facendo abbiamo davvero un’alta possibilità di risolvere il problema”. L’ordinanza, che sarà firmata e uscirà nelle prossime ore in tutti i suoi dettagli e con una mappa accurata, non ha scadenza. “In base all’aggiornamento che avremo nei prossimi due giorni decideremo se estendere ulteriormente le misure“, conclude Marco Bucci.