Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Cosenza-Entella: i commenti di Tedino, Brunori e Cardoselli

Le voci dei protagonisti

Chiavari. Clean sheet all’esordio stagionale in Serie B per Daniele Borra, come nella scorsa annata. A differenza dello scorso campionato però, in questa prima uscita è mancato il guizzo davanti. È terminato così a reti inviolate il match del San Vito Gigi Marulla tra i padroni di casa del Cosenza e l’Entella di mister Tedino: 0 a 0.

entella cosenza

Bruno Tedino dichiara: “Qui a Cosenza ci siamo presentati con una squadra che voleva far risultato a tutti i costi, siamo riusciti ad avere il 51% di possesso palla in un campo difficile, contro una squadra che ha una trance agonistica persa da pochissimo. È chiaro che noi non siamo soddisfatti perché dobbiamo fare di più, però abbiamo la possibilità di lavorare insieme e quello che mi fa piacere è che la squadra segue, è molto sul pezzo, oggi ha debuttato anche qualche giocatore, quindi per noi è un motivo di grande soddisfazione”.

“Nell’analisi tecnica – spiega l’allenatore – il Cosenza ha sempre dato un indice di pericolosità con Báez soprattutto, come sempre molto in partita e molto bravo nel saltar l’uomo. Abbiamo concesso poche ripartenze, perché il Cosenza quando riparte fa veramente male. Ci sono tre giocatori davanti che attaccano bene gli spazi e che sanno giocare l’uno per l’altro, i quinti che arrivano sempre, i due interni che arrivano una volta uno, una volta l’altro. Una squadra che comunque è rodata, per noi è stato un buon inizio, quindi adesso ci prepariamo alla Coppa Italia per poi prepararci alla seconda di campionato“.

Settembrini ha avuto questo tipo di problema al ginocchio – prosegue -, bisogna verificarlo in settimana, però in tempi brevi non lo recupereremo sicuramente. Per giunta anche Crimi ha avuto un paio di traumi, al viso e alla testa, anche lui è uscito malconcio. Con già Schenetti fuori sarebbe veramente una grande difficoltà avere pochi centrocampisti“.

“Adesso abbiamo un appuntamento importante con la Coppa Italia mercoledì, cercheremo di dare continuità a qualche giocatore e cercheremo di mettere dentro qualche ragazzo che oggi non ha messo il piede in campo, cercando di trovare il giusto equilibrio, che è la base di partenza per questo campionato” conclude l’allenatore.

L’attaccante Matteo Brunori Sandri commenta: “Sapevamo che venivamo incontro ad una gara molto difficile, siamo partiti con la testa giusta, quella che serviva, e siamo riusciti a portare via un punto molto importante. Dobbiamo squadra compatta, quello che chiede il mister, e cercare di essere pericolosi quando ci capita l’opportunità; bisogna continuare su questa strada. Adesso pensiamo subito a mercoledì, ad affrontare al meglio la gara e dare continuità a quello che stiamo facendo”.

Il centrocampista Cassio Cardoselli ha debuttato in cadetteria: “È una grandissima emozione, ho lavorato tanto per questo. Esordire in Serie B è tutta un’altra cosa, fa parte di un processo di percorso che ho iniziato già tre anni fa tra i professionisti e quindi il 26 settembre è stato il coronamento di tanti sacrifici ed è solo l’inizio per questa nuova stagione“.

Siamo andati giù con ottimo carattere – racconta -, abbiamo cercato subito di fare la partita, abbiamo combattuto su ogni pallone. Dovevamo sfruttare meglio qualche occasione negli ultimi venti metri però la squadra c’è stata, ha fatto una prestazione importante. Vedo una settimana molto impegnativa perché mercoledì siamo subito in campo qui, finalmente al Comunale; è una partita da non sottovalutare. Troverà spazio anche chi ha giocato meno, è una gara importante anche per mettersi in mostra e dimostrare che comunque la squadra, il gruppo, c’è: è fatto da venticinque/ventisei giocatori e tutti servono alla squadra per stare sul pezzo“.

L’Entella è stata la scelta migliore – conclude Cardoselli -, lo ripeto a distanza di due mesi. C’è tantissimo da lavorare, c’è da migliorare perché la Serie B è un campionato molto duro e comunque, venendo dalla Serie C, devo ambientarmi, migliorare, prendere i ritmi giusti. Ad ogni occasione che avrò mi metterò sempre a disposizione della squadra perché è un campionato lungo“.