Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Coronavirus, in Liguria 95 nuovi contagi (44 a Genova), alla Spezia obbligo di mascherina h24

La decisione della Regione Liguria poche ore fa. Il cluster nella comunità dominicana continua a colpire e Alisa rafforza il servizio di prevenzione

Genova. Sulla base dell’andamento dei contagi nei giorni scorsi e nelle ultime ore, e per motivi precauzionali di contenimento della pandemia, Regione Liguria ha stabilito di emanare un’ordinanza che impone l’obbligo di indossare la mascherina nel Comune della Spezia, non solo dalle 18, ma sempre durante le 24 ore, da oggi e fino a tutto il 13 settembre. Anche nei luoghi esterni e non solo per chi entra negli esercizi commerciali o in aree al chiuso.

La decisione dopo una riunione con l’assessore alla Salute Viale, il commissario straordinario di Alisa Walter Locatelli, il pool epidemiologico che segue la regione e il sindaco della Spezia Peracchini. “Una misura blanda, estendiamo un obbligo che esiste già – dice il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti – avremmo potuto applicare misure ulteriori ma non vogliamo vessare un territorio oltre l’indispensabile”. Al momento – dicono dalla Regione – l’indice di contagio in Liguria è pari a RT che è sotto l’1.0.

Sono ben 95 i casi positivi in più registrati oggi dal bollettino Alisa-Regione in flusso per il ministero della Sanità. Di questi gran parte, ben 45 sono relativi al cluster “spezzino” nato da una festa organizzata da alcuni cittadini riferiti alla comunità dominicana (26 contatti di caso e 19 screening). Proporzionalmente alla consistenza della popolazione l’entità della crescita del trend, nel levante, è ciò che desta maggiore preoccupazione.

Tuttavia anche nell’ambito dell’Asl 3 genovese c’è stato un picco di nuovi contagi: +44, quasi tutti da attività di screening anche nei laboratori privati presso i quali si sono rivolti molti cittadini.

“Gli ospedalizzati sono 61, 7 in più rispetto a ieri, con 6 terapie intensive di cui 5 alla Spezia – spiega il presidente della Regione Giovanni Toti illustrando la nuova ordinanza e il bollettino odierno – gran parte dei casi trattati in ospedale non destano preoccupazione ma è ovvio che alla Spezia si concentra gran parte della pressione sulla sanità ospedaliera, ecco perché Alisa ha potenziato anche l’ufficio prevenzione, inviando personale dalla Asl 4, che non ha criticità in corso”.

I tamponi effettuati nelle ultime 24 ore sono stati 2697. Registrato un nuovo decesso, dopo quello di un 88enne spezzino, appunto, due giorni fa. Anche in questo caso il paziente morto per Covid è un cittadino della Spezia di 89 anni. Era ricoverato in pneumologia all’ospedale San Bartolomeo di Sarzana.

“Il segnale che abbiamo voluto dare è di attenzione massimo del sistema sanitario regionale sul trend dei casi di Covid 19 – afferma l’assessore alla Sanità Sonia Viale – ricordando che il sistema è molto impegnato i vista della riapertura delle scuole, ma senza tralasciare questi nuovi cluster, anche se limitati”.