Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Coronavirus, 4 morti tra Genova e La Spezia, 79 nuovi positivi con 2600 tamponi

Proseguono dunque le attività di tracciamento dei cluster più preoccupanti, quello nella città del levante e quello nel centro storico di Genova

Più informazioni su

Genova. Con 2666 tamponi effettuati nelle ultime 24 ore (circa 1400 in meno rispetto al bollettino di ieri) sono 79 i nuovi positivi al coronavirus registrati oggi in Liguria, secondo i dati trasmessi da Alisa-Regione al ministero della Salute. Oggi, purtroppo, bisogna registrare anche due morti da bollettino e altri due morti dai report delle singole asl (e non ancora inseriti nel bollettino Alisa)

Il dettaglio dei 79 contagi vede la maggior parte dei nuovi casi presso la asl 5 (36, 17 contatti di caso confermato e 19 attività di screening). Segue la asl 3 genovese, con 31 nuovi contagiati (6 contatti di caso, 18 attività di screening e ben 7 persone risultate positive dopo essersi presentate con sintomi in ospedale). 1 solo caso presso la asl 2 savonese, 11 nell’asl 1 imperiese.

I casi attivi di Covid in Liguria, dunque, sono 2712, una cifra che ci riporta ai primi giorni di maggio, subito dopo la fine del lockdown. Quello che cambia è la gravità dei casi ricoverati in ospedale che sono 156 spalmati su tutte le province, ma con un’incidenza maggiore alla Spezia. Il saldo degli ospedalizzati rispetto a oggi è negativo (-1) ma bisogna tenere conto che purtroppo oltre ai dimessi bisogna contare le vittime del covid.

E nelle ultime 24 ore sono morti un uomo di 73 anni, genovese, ricoverato all’ospedale villa Scassi di Sampierdarena, un uomo di 83 anni, spezzino, all’ospedale Sarzana, e due donne, di 96 e 92 anni, spezzine, sempre all’ospedale di Sarzana.

Proseguono dunque le attività di tracciamento dei cluster più preoccupanti, quello della Spezia, e quello nel centro storico di Genova. Inoltre si attendono i risultati dei tamponi effettuati giovedì e venerdì sugli studenti delle scuole e che non erano ancora stati processati.