Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Emozioni forti nel derby della Valle Stura: 3 a 3 tra Campese e Masone foto

Avanti di due reti, il Masone viene raggiunto, ma grazie al pareggio può comunque esultare per il passaggio del turno

Campo Ligure. Partita decisiva per il girone 5 della Coppa Liguria di Prima Categoria. A Campo Ligure si affrontano Campese e Masone.

Entrambe hanno battuto il Città di Cogoleto, pertanto la vincente dello scontro odierno accederà agli ottavi di finale. Il pareggio qualificherebbe per differenza reti i biancazzurri, che hanno vinto la prima partita per 5-2, mentre i verdeblù se la sono aggiudicata col punteggio di 1 a 0.

Mister Andrea Meazzi schiera la Campese con Balbi, Pirlo, Oliveri, Monaco (cap.), P. Pastorino, Piccolo, M. Macciò, Di. Marchelli, Bardi, Criscuolo, Chiappori.

In panchina siedono Zunino, Lo. Pastorino, N. Pastorino, Bassi, Lops, Nania, Cenname.

Il Masone allenato da Federico Porrata si presenta con Bruzzone, Pasquino, Piscitelli, Da. Marchelli, Oliva (cap.), Sorbara, Lu. Pastorino, Civino, De Gregorio, E. Macciò, L. Macciò.

Le riserve sono Vigo, Narducci, Lunardi, An. Pastorino, Al. Pastorino, Marmorea, Parodi, Di Matteo, Piccardo.

Per il ritorno dell’atteso derby della Valle Stura c’è un pubblico numeroso sugli spalti. Giornata bella e soleggiata. Arbitra Vittorio Semini della sezione di Albenga.

Prima fase della partita di studio. La Campese si schiera con un 4-1-4-1, con il gioco che passa dal play davanti alla difesa “Momo” Monaco; ospiti in campo col 4-2-3-1 cercando il gioco aereo su De Gregorio. Criscuolo da una parte e Luca Pastorino dall’altra sono i più attivi nel cercare di impensierire le difese avversarie.

Al 15° il primo tiro è di Mirko Macciò, ma la sua conclusione termina ampiamente a lato.

Al 18° passa in vantaggio il Masone. Spiovente in area, la difesa della Campese non riesce ad allontanare, ne approfitta De Gregorio che mette palla a terra e fulmina Balbi infilando il pallone alla sua destra. 0 a 1.

Al 21° una conclusione di Criscuolo è deviata in angolo da Bruzzone. Dalla bandierina calcia Bardi, la difesa allontana.

I padroni di casa stentano a reagire; il Masone controlla bene la gara. Il gioco degli ospiti passa spesso attraverso Enrico Macciò, il quale sta dettando i ritmi della sua squadra.

Al 27° Luca Pastorino mette palla in mezzo e Balbi travolge De Gregorio: calcio di rigore e ammonizione per il portiere. Lo stesso De Gregorio va sul dischetto e non sbaglia. Doppietta dell’ex e risultato sullo 0 a 2.

Al 29° ammonito Civino per gioco scorretto ai danni di Monaco.

Al 31° Luca Pastorino, che imperversa sulla fascia sinistra, mette una palla in mezzo che scende improvvisamente chiamando Balbi alla deviazione in corner. Lo batte Enrico Macciò, nulla di fatto.

Al 33°, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, un tiro di Diego Marchelli sorprende Bruzzone e si infila in rete. 1 a 2.

Al 39° ammonito Sorbara per gioco scorretto. Al 40° il giallo è all’indirizzo di Criscuolo, per un fallo su Lorenzo Macciò. Arbitro dal cartellino facile.

Si rientra negli spogliatoi con il Masone avanti 2 a 1. Un vantaggio meritato per i biancazzurri, squadra ben messa in campo in ogni reparto: attacca, difende bene, ha un assetto equilibrato. In grande evidenza il trio Enrico Macciò, Luca Pastorino e De Gregorio, con quest’ultimo che fa reparto da solo.
Nella Campese Criscuolo appare troppo isolato davanti; gli inserimenti non ci sono stati. La rete di Marchelli consente ai locali di sperare ancora, anche se per passare il turno sono chiamati a vincere.

Secondo tempo. Al 5° Meazzi effettua il primo cambio: Lorenzo Pastorino per Chiappori.

Al 6° ammonito Diego Marchelli per una brutta entrata da dietro sullo scatenato Luca Pastorino. Punizione calciata da Piscitelli, nessun problema per Balbi.

Al 9° cartellino giallo a Davide Marchelli per gioco falloso. Posizione interessante, calcia Criscuolo: palla sulla traversa. Poi la difesa del Masone mette in angolo.

Al 13° slalom dell’incontenibile Luca Pastorino che salta come birilli gli avversari e serve un pallone in piena area a Civino che, complice una leggera deviazione di un avversario, trafigge Balbi. 1 a 3.

Mister Porrata, che sostituisce Enrico D’Angelo in panchina, dice alla sua squadra di passare al 4-5-1, formando così una compatta diga di centrocampo. I verdeblù giocano con Pastorino vicino a Criscuolo in attacco, occupando più spazi sul fronte offensivo

Al 21°, nella Campese, entra Nania ed esce Mirko Macciò. Al 22°, tra gli ospiti, dentro Piccardo per Pasquino.

Al 23° l’arbitro vede un fallo di mano in area del Masone: calcio di rigore. Criscuolo realizza spiazzando il portiere. 2 a 3.

Al 27° sostituzione nella Campese: Meazzi tenta il tutto per tutto inserendo un altro attaccante, Cenname, al posto di Bardi. Nel Masone entra Alessio Pastorino al posto di Enrico Macciò che esce tra gli applausi.

Al 33° la Campese reclama un calcio di rigore per un intervento su Cenname, che poi rimane a lungo a terra; l’arbitro fa cenno di continuare.

Al 36° Marmorea sostituisce Davide Marchelli.
Si riprende e la Campese pareggia: Lorenzo Pastorino con una bella girata insacca il pallone del 3 a 3 al 37°.
Un gol che regala un finale di partita avvincente. Il Masone ha abbassato molto la mediana ed ha pagato questa scelta, mentre i locali hanno assunto un atteggiamento molto più offensivo, riuscendo a riaprire il discorso qualificazione.

Al 42° ammonito Luca Pastorino per un’entrata da tergo nei confronti di Pirlo.

Al 43° Criscuolo va vicino alla rete, ma la sua conclusione viene deviata di testa da Sorbara che sventa il pericolo.

Al 44° Piscitelli allontana il pallone con l’intenzione di perdere tempo e viene ammonito. Finale di gara caotico, con la Campese che attacca con le residue energie ed il Masone che si difende con un po’ di affanno.

Sono cinque i minuti di recupero. I verdeblù ottengono tre calci d’angolo ravvicinati; alla fine Bruzzone respinge.

Ancora un corner per i padroni di casa, proiettati in avanti alla ricerca del gol qualificazione. Palla in mezzo, Bruzzone svetta e la fa sua.

Al 48° Luca Pastorino si invola verso la porta avversaria, ma viene fischiato il fuorigioco.

Emozioni fino al termine. Al 49° calcio di punizione per la Campese. Se ne incarica Criscuolo, la sua botta rimbalza davanti a Bruzzone che con una gran parata sventa il periocolo.

Finale incandescente. Al 50° ancora una punizione per i locali, questa volta dal limite dell’area. Il tiro di Criscuolo si infrange sulla barriera e con esso le speranze della Campese, dato che arriva il triplice fischio. Finisce 3 a 3.

Il Masone passa meritatamente il turno, per il gioco espresso nei due incontri giocati. Oggi, però, dopo aver ottenuto il doppio vantaggio, ha abbassato troppo il baricentro, permettendo ad una determinata Campese di rientrare in partita. Alla fine, comunque, possono esultare i biancazzurri per il passaggio agli ottavi di finale.