Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Coppa Italia: il Bogliasco impegna il Verona nel primo incontro stagionale

Finisce 10 a 4, ma le venete prendono il largo solamente nell'ultima frazione

Bogliasco. Buon rientro in acqua per le ragazze del Bogliasco dopo otto mesi di lontananza forzata dalla vasca. Nell’impegno inaugurale del primo turno di Coppa Italia, in corso di svolgimento tra oggi e domani a Padova, le biancazzurre cedono come da pronostico al cospetto del rinforzatissimo Css Verona.

Il 10-4 finale, tuttavia, non rispecchia affatto l’andamento di una sfida rimasta in equilibrio per tre tempi e che soltanto negli ultimi minuti ha visto le esperte venete prendere il largo sulla giovanissima compagine ligure. Merito di Millo e compagne che dimostrando quanto promesso alla vigilia non concedendo sconti ad un avversario certamente superiore per tasso tecnico.

Sinatra dà subito spazio alle nuove arrivate Amedeo, Franci e Cavallini, portando con sé anche le giovanissime De March, Rayner, Lombella e Oberti, tutte provenienti dal vivaio, con le esperte Malara, Cuzzupè, Santinelli, Mauceri, Rogondino e Millo a completare una distinta dall’età media inferiore ai 18 anni. Ma in acqua la differenza, anche e soprattutto anagrafica, tra le due formazioni non sembra esserci.

Le bogliaschine infatti tengono testa alle veronesi, annullando per due volte il loro vantaggio e giungendo al cambio vasca sul 2-2. La prima rete stagionale del Bogliasco porta la firma di Giulia Cuzzupè che a metà della prima frazione pareggia l’acuto iniziale della Esposito. Poi è Emma De March, 15 anni compiuti un mese fa, a prendersi la scena imitando la compagna nel secondo quarto e bagnando il suo esordio personale in prima squadra con un benaugurante gol.

Soltanto dopo l’intervallo lungo Verona riesce a prendere il largo, mettendo a referto un uno-due in apertura di terzo tempo ma non riuscendo comunque a scrollarsi del tutto di dosso la pressione di un Bogliasco che resta in scia grazie al centro di capitan Millo. Nel finale di gara qualche errore di troppo delle liguri e la maggior esperienza delle venete indirizzano la gara definitivamente verso Bianconi e compagne. Non prima però che anche Rosa Rogondino lasci il proprio marchio sul tabellino.

Domani si torna in vasca con le ultime due gare del girone. Al mattino altra sfida proibitiva per le levantine, attese dalle padrone di casa del Padova. Alle 15, infine, quella che a tutti gli effetti dovrebbe essere la partita decisiva per guadagnarsi la terza posizione nel girone e la contestuale qualificazione alle final six della competizione. Avversario il Trieste, sconfitto oggi 25-2 dalle padovane.

Il tabellino:
CSS Verona – Bogliasco 1951 10-4
(Parziali: 1-1, 1-1, 3-1, 5-1)
CSS Verona: Nigro, Esposito 1, Sbruzzi, Zanetta, Borg 2, Marchetti, Marcialis 2, Perna, Gragnolati 4, Prandini, Bianconi 1, Carotenuto, Gabusi. All. Zaccaria.
Bogliasco 1951: Malara, De March 1, Cavallini, Cuzzupè 1, Mauceri, G. Millo 1, Rayner, Rogondino 1, Lombella, Santinelli, Franci, Amedeo, Oberti. All. Sinatra.
Arbitri: Ricciotti e Braghini.
Note. Uscite per limite di falli Esposito e Carotenuto nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Verona 6 su 10 più 1 rigore segnato, Bogliasco 1 su 8 più 1 rigore fallito.