Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Coppa Italia, Bogliasco: il passaggio del turno sfuma per una rete

Le biancazzurre cedono al Trieste per 12 a 11

Bogliasco. Non riesce alle ragazze del Bogliasco il tentativo di qualificarsi alla final six di Coppa Italia. Nel turno preliminare della seconda competizione nazionale, svoltosi tra ieri e oggi a Padova, le biancazzurre hanno ceduto 12-11 al Trieste nella gara decisiva per il passaggio del turno.

Una sconfitta, quella contro le giuliane, arrivata dopo le buone prestazioni offerte precedentemente con Verona e Padova. Entrambe le sfide con le due formazioni venete si erano concluse con altrettante sconfitte ma anche con buone sensazioni suscitate da una squadra giovanissima. Sensazioni confermate anche nella partita con il più abbordabile Trieste, nella quale però una falsa partenza è costata molto cara alle liguri.

Sotto 7-2 al cambio vasca, le bogliaschine hanno avuto il grande merito di non demoralizzarsi, riuscendo a colmare quasi del tutto il divario nel terzo quarto, chiuso sul meno 1 da una squadra improvvisamente rivitalizzata. Neanche il nuovo allungo delle triestine, che nella prima metà dell’ultima frazione si erano portate sul 12-8, ha spento le velleità di rimonta di Millo e compagne, in grado di risalire nuovamente la china con tre gol in rapidissima successione. Nell’ultima azione dell’incontro le ragazze allenate da Sinatra hanno poi avuto anche la palla per impattare la sfida e strappare il pass per il turno successivo ma un fischio contestato degli arbitri ha vanificato il tutto, sancendo la vittoria di misura del Trieste.

Il bilancio delle due giorni in terra padovana tracciato dal tecnico bogliaschino è comunque positivo. “Peccato per il risultato finale e per la mancata qualificazione che ci avrebbe regalato una bella dose di autostima – ha dichiarato Mario Sinatra -. Però sono davvero molto contento per le tre gare che abbiamo disputato. Stiamo dimostrando di essere una squadra migliore rispetto a quella dell’anno passato, nonostante l’età media si sia ulteriormente abbassata. Certo, abbiamo commesso errori banali, che ci sono costati caro, frutto soprattutto dell’inesperienza. Ma dobbiamo farne tesoro e non sprecare queste lezioni. In particolare nell’ultima gara, quella con Trieste, dove abbiamo sbagliato l’approccio iniziale alla sfida. Siamo scese in vasca forse un po’ troppo tese e loro ne hanno approfittato. Poi però pian piano ci siamo sciolte e abbiamo fatto ottime cose. Nonostante un ampio svantaggio siamo riuscite a ritornare in gara in più di un’occasione e alla fine abbiamo avuto anche l’occasione del pareggio. È andata male ma ciò che conta è soprattutto la volontà di non mollare mai fino alla fine. Se avremo sempre questo spirito e impareremo a correggere i nostri errori sono convinto che in questa stagione ci divertiremo parecchio”.

Di seguito i tabellini dai due incontri odierni delle biancazzurre.

Bogliasco 1951 – CS Plebiscito Padova 4-16
(Parziali: 1-6, 1-1, 1-4, 1-5)
Bogliasco 1951: Malara, Paganello, Cavallini, Cuzzupè 3, Mauceri, G. Millo, Rayner, Rogondino, Lombella, Carpaneto 1, Franci, Amedeo, Oberti. All. Sinatra.
CS Plebiscito Padova: Teani, M. Savioli 1, I. Savioli, Gottardo 3, Queirolo 4, Casson, A. Millo, Dario, Cocchiere, Ranalli, Meggiato 2, Centanni 5, Giacon. All. Posterivo.
Arbitri: Romolini e Ricciotti.
Note. Uscite per limite di falli Amedeo nel secondo tempo, Rogondino nel terzo tempo e Paganello nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Bogliasco 2 su 7 più 3 rigori di cui 1 realizzato, Plebiscito 7 su 11 più 3 rigori di cui 1 realizzato.

Pallanuoto Trieste – Bogliasco 1951 12-11
(Parziali: 1-0, 6-2, 2-6, 3-3)
Pallanuoto Trieste: S. Ingannamorte, Zadeu, Boero 2, Gant, Marussi, Gagliardi 1, Klatowski 2, E. Ingannamorte, Bettini 5, Rattelli 2, Jankovic, Russignan, Krasti. All. Colautti
Bogliasco 1951: Malara, De March 2, Paganello, Cuzzupè 1, Mauceri 1, G. Millo 2, Rayner, Rogondino 3, Lombella, Carpaneto , Franci 2, Amedeo, Oberti. All. Sinatra
Arbitri: Braghini e Schiavo
Note. Uscite per limite di falli nel terzo tempo Amedeo e Rayner, nel quarto tempo Cuzzupè, Santinelli, Boero e Rattelli. Superiorità numeriche: Trieste 0 su 10 più 7 rigori di cui 4 realizzati, Bogliasco 4 su 11 più 3 rigori di cui 2 realizzati.