Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Chiavari, scatta la disinfestazione dal punteruolo rosso per salvare le palme

Si tratta di quattro interventi complessivi - uno è stato già effettuato questa settimana - svolti in orario notturno

Più informazioni su

Chiavari. Per contrastare la diffusione del punteruolo rosso, l’amministrazione ha programmato una campagna di prevenzione e contenimento dell’infestazione sulle palme presenti all’interno del territorio comunale.

Si tratta di quattro interventi complessivi – uno è stato già effettuato questa settimana – svolti in orario notturno, da ripetere a distanza di venti giorni l’uno dall’altro, grazie a due metodi specifici: la tecnica endoterapica, mediante l’innesto di tre cannule contenenti un idoneo antiparassitario nello stipite ( eseguito dal personale comunale) e l’irrorazione in chioma con preparato d’acqua e deltamerina, presidio medico chirurgico utilizzabile in ambiente urbano e non dannoso per l’uomo e per gli animali domestici.

Appalto vinto dalla ditta Floricoltura Vivai Cademartori, di San Colombano Certenoli, per un importo pari a 23.787,56 euro iva inclusa.

«Il trattamento è eseguito su tutte le palme della città, 29 Phoenix Canariensis e 147 Phoenix Dactylifere, presenti sia in centro (viale Tappani, viale Arata, piazza Torriglia, piazza N.S. dell’Orto, via Delpino, piazza Roma) che in passeggiata mare (zona lido, corso Colombo, piazza Milano, corso Valparaiso, lungomare Gotuzzo). Portiamo avanti una campagna costante, con puntuali calendarizzazioni che prevedono la ripetizione del trattamento sulle stesse piante più volte l’anno. Purtroppo abbiamo abbattuto già 12 palme (grazie all’intervento del Giardino dei Giorgi), l’ultima in piazza Roma, ormai morte a causa del punteruolo rosso: esemplari che verranno sostituiti a breve con nuove piantumazioni – spiega il sindaco Marco Di Capua – L’obiettivo dell’amministrazione è tutelare il verde pubblico, rallentando, significativamente, la diffusione dell’insetto e la perdita di piante».