Quantcast
Maltempo

Allerta arancione, tempesta su Genova: allagamenti, chiusure e tromba d’aria sul Ponente

In via Mura delle Chiappe un fulmine ha incendiato una lavatrice. Casello di Masone chiuso in entrata verso Genova per smottamento

Genova. Pioggia, grandine, fulmini, vento fortissimo e una tromba marina che ha colpito in pieno i quartieri del Ponente. C’erano tutti gli ingredienti per una notte di passione nella violenta tempesta che ha colpito Genova tra le 2 e le 4, durante le prime ore di allerta arancione. E le conseguenze non si sono fatte attendere: allagamenti in tutta la città, danni, blackout e uno smottamento che torna a fare paura sull’autostrada A26 a Masone.

Quasi tutti allagati i sottopassi stradali, da via Perlasca a corso Torino passando per via Milano dove all’alba l’intervento di bonifica era ancora in corso prima di riaprire al traffico. In Valpolcevera di nuovo allagata via Carnia a Rivarolo. Numerosissimi gli interventi dei vigili del fuoco per alberi caduti o pericolanti in via Sturla, via Fillak, via Albaro e in molte altre zone della città.

Paura in via Mura delle Chiappe, nella zona del Righi, dove un fulmine è entrato nell’impianto elettrico di un’abitazione e una lavatrice ha preso fuoco. Gli abitanti sono stati evacuati durante l’intervento dei pompieri. Tanti i semafori saltati (attenzione soprattutto a Dinegro) e molte strade sono rimaste al buio per i guasti all’illuminazione pubblica. Un altro fulmine ha colpito il viadotto Genova San Giorgio, ripreso da una delle telecamere puntate sul ponte.

Una tromba marina si è abbattuta nei pressi del terminal Psa tra Pra’ e Palmaro provocando diversi danni tra cui un edificio scoperchiato in via Ratto.

Il casello autostradale di Masone sulla A26 è stato chiuso al traffico in entrambe le direzioni per uno smottamento. La riapertura è avvenuta prima delle 8 dopo la verifica dei tecnici di Autostrade. Si tratta della stessa frana che a giugno aveva costretto a una lunga chiusura dell’entrata in direzione Genova.

Tutti sotto controllo i rii e i torrenti che hanno subito un innalzamento repentino durante il picco della precipitazione ma sono rimasti sotto i livelli di guardia. Qualche preoccupazione in Valpolcevera per il rio Fegino che si è avvicinato all’esondazione, ma per fortuna la pioggia è calata d’intensità in tempo per evitare conseguenze peggiori.

I numeri. Il nubifragio più intenso si è abbattuto in Valbisagno dove sono caduti 15,8 millimetri di pioggia in 5 minuti alle Gavette (ore 2.50) e 37 millimetri in 15 minuti a Quezzi (ore 3.05). L’accumulo orario maggiore è quello di Bolzaneto (72,8 millimetri) mentre la zona dove ha piovuto di più dalla mezzanotte è Prai nel comune di Campo Ligure (93,2 millimetri in 6 ore). I dati sono quelli della rete Arpal.

L’allerta meteo arancione resta in vigore fino alle 12 su tutta la provincia di Genova e sul Levante ligure, poi sarà gialla fino alle 15 salvo diversi aggiornamenti da parte di Arpal tra la tarda mattinata e il primo pomeriggio.

La foto della tromba marina è di Gianluca Gazzo (Crevari), alcuni video sono forniti dai collaboratori della rete Limet

leggi anche
  • Maltempo
    Meteo, allerta arancione su Genova e Liguria: arrivano pioggia e temporali forti
  • Coc
    Allerta arancione a Genova: tutte le disposizioni su chiusure, mezzi pubblici e parcheggi
  • Maltempo
    Allerta arancione, tempesta su Genova: allagamenti, chiusure e tromba d’aria sul Ponente
  • Gravi disagi
    Autostrade, il nubifragio smuove la frana sulla A26: chiusa (e riaperta) l’entrata di Masone
  • Tregua
    Meteo Liguria: in mattinata ancora temporali forti, poi inizierà a tornare il bel tempo
  • Instabilità
    Verso l’uscita dall’allerta, nella notte piogge record in Valpolcevera e valle Stura