Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Un nuovo preparatore atletico per il Bogliasco: Francesco Rizzo

2Ho accettato la proposta perché so che si tratta di una società seria e con un bel progetto"

Bogliasco. Un nuovo grande innesto per il Bogliasco che verrà. Dopo aver messo a segno diversi colpi di mercato a livello di giocatori, ora la società biancazzurra annuncia lo sbarco alla Vassallo di uno dei più importanti preparatori atletici della pallanuoto italiana: Francesco Rizzo.

Nato sull’Isola d’Elba ma cresciuto in Liguria, Rizzo è da un quindicennio uno dei fautori dei grandi successi ottenuti dalla Pro Recco in questi anni. Nel suo percorso professionale ha seguito da vicino atleti professionisti di molte specialità, dal calcio alla scherma passando per pallavolo e motociclismo. Dal 2016, inoltre, si occupa anche di curare i muscoli degli atleti della nazionale canadese di waterpolo guidata da Pino Porzio. Insomma, un vero e proprio principe del settore che a Bogliasco lavorerà in strettissima sinergia con i tecnici delle prime squadre maschili e femminili e con quelli di tutte le formazioni giovanili. “Ho accettato la proposta del Bogliasco perché so che si tratta di una società seria e con un bel progetto – afferma Rizzo – Sono pronto per mettermi a disposizione degli allenatori e a lavorare in piena sintonia con loro”.

Significative anche le parole con cui il presidente Simone Canepa accoglie il nuovo arrivato: “L’ingresso di Francesco nello staff della nostra società è un tassello fondamentale per arricchire i nostri progetti di crescita. Mi aspetto che la sua esperienza possa influire sulle squadre senior migliorandone le prestazioni e che la sua presenza arricchisca la nostra scuola pallanuoto innalzandone il livello. Il lavoro di Francesco sarà finalizzato alla creazione di atleti completi da ogni punto di vista, tecnico, tattico e fisico. Sono convinto che lavorando a 360 gradi con tutte le categorie e le divisioni la crescita dei nostri atleti sarà più omogenea e costante”.