Quantcast
Nervo scoperto

Sansa sfida Toti: “Faccia a faccia sulla sanità”. Ma gli avversari: “Il dibattito fatelo tra di voi”

Botta e risposta al vetriolo tra il candidato di M5s e centrosinistra e il partito del governatore

Genova. “Caro Toti, la sanità è la prima competenza della Regione. I dati sulla pandemia da coronavirus in liguria sono stati disastrosi, si pensi che a maggio abbiamo superato i picchi della Lombardia. Ma non è solo questione di Covid, tutti ricordano episodi drammatici come l’abbandono dei malati oncologici di Genova costretti ad andare a Savona in pullman per la radioterapia. O il calvario dell’ospedale Felettino di Spezia. È ora di spiegare ai liguri come e perchè certe decisioni sulla sanità o sull’emergenza Covid siano state prese da te e dalla tua giunta. Se non rinneghi ciò che hai fatto e non hai nulla da nascondere, sono certo che accetterai questo confronto in totale serenità e trasparenza. Io ti aspetto”.

Con queste parole e con un video su Facebook il candidato di M5s e centrosinistra alle elezioni regionali liguri Ferruccio Sansa sfida l’attuale presidente Giovanni Toti su quello che è il tema più caldo, e soprattutto per via del periodo covid anche un nervo scoperto nella campagna elettorale: quello della sanità.

In questi giorni Sansa sta girando per la Liguria e in più casi ha rilevato l’inefficienza o l’assenza di alcune strutture. La risposta – un no, evidentemente, al faccia a faccia – arriva non direttamente da Giovanni Toti ma dalla lista Toti presidente e dal suo coordinatore Matteo Cozzani.

“Per quanto riguarda il dibattito tra candidati che auspichi, potete farlo tranquillamente tra quelli della tua coalizione, visto che sono responsabili dalla maggior parte dei disastri che impunti alla nostra sanità. Come d’altra parte hai più volte scritto…”, scrive Cozzani.

“Caro Sansa – afferma Cozzani -, visto che continui nella tua opera di itinerante denigrazione del nostro sistema sanitario, ti consigliamo di informarti meglio su quello che vai dicendo. Sul Covid la nostra sanità ha fatto uno sforzo eccezionale mettendo in campo un numero di posti letto record in Italia e garantendo sempre a tutti i liguri le cure di cui avevano bisogno. Sul Felettino -prosegue ancora il coordinatore della Lista Toti – basterebbe rileggere i tuoi articoli in cui raccontavi di un appalto stravagante, firmato dai tuoi compagni di coalizione. Se non trovi i tuoi vecchi scritti, scorri questa pagina o chiedi ai candidati delle tue liste, forse ricordano qualcosa… Sulla sanità pubblica ti ricordiamo solo che sono in programma investimenti straordinari, nuovi ospedali interi, che abbiamo aperto più Case della Salute di quante non ne abbiano aperte in dieci anni i rappresentati della tua coalizione, che inoltre hanno lasciato un ‘buchetto’ da 100 milioni nel disavanzo della sanità. Anzi, già che vai in giro, potresti anche visitare alcuni di quegli immobili ‘venduti’ dalla tua coalizione a un ente pubblico indebitato per pagare quel conticino, che oggi stiamo ripianando. Non è speculando sulla salute che si costruisce una credibilità di Governo. Ma già che vai in giro per ospedali – conclude -, ricordati di ringraziare il personale che incontri invece di denigrarli e soprattutto… usa la mascherina! Grazie”.

leggi anche
  • Schermaglie
    Sansa sfida Toti: “Dicci chi ti finanzia”. La replica: “Tutto a norma, chiediti perché ti evitano tutti”