Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sansa sfida Toti: “Dicci chi ti finanzia”. La replica: “Tutto a norma, chiediti perché ti evitano tutti”

Il giallorosso ricorda i nomi di Gavio, Spinelli e Carige. Il governatore si difende: "Sfiori la diffamazione"

Più informazioni su

Genova. “Ti avevamo chiesto un confronto sulla sanità, visti i disastri del Covid, e tu hai detto di no. Adesso vorremmo aprire un altro capitolo: dobbiamo rendere noti tutti i nostri finanziatori”. Così il candidato presidente ligure Ferruccio Sansa in un video-messaggio su Facebook lancia un’altra sfida all’avversario Giovanni Toti

“Tu in passato hai avuto qualche difficoltà a rendere noti i tuoi – gli contesta Sansa -. C’erano nomi di peso, c’erano imprenditori delle autostrade come i Gavio, c’erano concessionari di spazi portuali come Spinelli, c’erano soci della Carige, c’erano petrolieri, c’erano imprenditori del settore immobiliare che dovevano costruire l’ospedale Felettino. Credo che i cittadini abbiano il diritto di sapere chi finanzia le nostre campagne elettorali. Se non hai niente da nascondere, se non ci sono conflitti di interesse, ti aspetto”.

Non si è fatta attendere la risposta della lista Toti: “Caro Sansa, è inutile che continui a parlare e chiamare in causa aziende e persone che lavorano e danno lavoro nel nostro territorio. I nostri finanziamenti sono tutti a norma di legge, nel modo più rigoroso. Insinuare il contrario non è politica, sfiora la diffamazione. Ma è il modo con cui hai fatto il giornalista per una vita e ora evidentemente è anche il tuo modo di fare politica”.

“Chiediti piuttosto perché tutto il mondo delle imprese, di ogni genere e tipo, ogni imprenditore di ogni sensibilità politica e culturale, ti evita come il peggiore dei mali – accusano ancora gli arancioni – Forse perché nella tua doppia morale, nel tuo complottismo manettaro, nella tua mediocrità ideologica, nel tuo appiattimento finto egualitario cerchi di nascondere la pochezza della tua offerta politica. Che costerebbe ai liguri posti di lavoro, nuove imprese, ogni possibilità di crescita. Ma che ti frega, dalla villa di Sant’Ilario il panorama è sempre bello.