Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Regionali Liguria, il detenuto genovese Carlo Carpi si candida presidente (ma resta in carcere)

Si può candidare essendo stato condannato a una pena inferiore ai due anni

Più informazioni su

Imperia. L‘imprenditore genovese Carlo Carpi, 37 anni, in carcere dal primo luglio del 2019,  dove sta scontando 1 anno e 10 mesi con le accuse di diffamazione, calunnia e stalking contro un magistrato genovese e calunnia contro un avvocato, si è candidato alla presidenza della Regione Liguria appoggiato dal “Gruppo radicale Adele Faccio” (Graf), di Imperia, che ha raccolto le firme per la lista in provincia di Imperia e le sta raccogliendo in quella di Genova.

Quattro le persone che fanno parte della lista: oltre a Carpi anche Gian Piero Buscaglia (capolista), 67 anni, segretario del Graf; Cornelia Matei (detta Coca), 45 anni di Ploiesti (Romania) e Silvana Caracciolo, 70 anni, simpatizzante radicale del Graf, residente a Sanremo.

“Siamo dovuti entrare in carcere con un cancelliere pubblico ufficiale per far firmare al candidato presidente l’accettazione di candidatura – afferma -. Le firme sono state raccolte e autenticate”. Carpi si può candidare, malgrado sia detenuto, essendo stato condannato a una pena inferiore ai due anni.

“Il magistrato di sorveglianza di Genova e gli altri tribunali continuano a negare i domiciliari al mio assistito, ritenendo che possa reiterare il reato. Noi avevamo proposto i domiciliari con divieto di conferire con chiunque, a eccezione della madre e del legale, ma ci è stato negato”, dice l’avvocato Marco Mansi. Carpi, che in passato si era candidato a sindaco a Sanremo e a Imperia, dovrebbe tornare libero il 31 gennaio del 2021.