Quantcast
Derby

Regionali Liguria, Biasotti carica gli arancioni di Toti: “Se non arriviamo al 15% vi facciamo il mazzo”

Presentata la lista civica: capolista Ilaria Cavo con tanti nomi della società civile. E la competizione è tutta interna al centrodestra

Genova. “Qualche tempo fa ci accontentavamo di prendere l’8-10%. Oggi, se non arriviamo al 15% vi facciamo un mazzo così. Ve lo diciamo già prima”. Col sorriso ma neanche troppo, il senatore Sandro Biasotti fissa l’obiettivo per la lista civica di Giovanni Toti, i cui candidati genovesi sono stati presentati oggi in largo Pertini tra magliette e mascherine arancioni. E soprattutto rende l’idea del clima di competizione interna che si respira all’interno del centrodestra, favorito per la riconferma alla guida della Regione ma composto da anime diverse.

Tra i 13 nomi in lista per la circoscrizione di Genova ci sono alcuni volti in cerca di riconferma, come l’assessore Ilaria Cavo (capolista) e la consigliera Lilli Lauro, coinvolte in un prevedibile testa a testa per le preferenze. Politici che tenteranno il salto, come l’assessore Federico Bogliolo del Municipio Levante e il consigliere delegato allo sport genovese Stefano Anzalone. Ma anche un ex assessore della giunta Burlando, il consigliere regionale Giovanni Boitano, eletto con la lista civica di Raffaella Paita e oggi in corsa con “Cambiamo con Toti presidente”. E poi imprenditori, commercianti, esponenti della società civile.

“Sono persone che vogliono dare una mano continuare a costruire una Liguria diversa, a cui abbiamo lavorato indefessamente in questi cinque anni – spiega il governatore uscente -. C’è l’esperienza dell’amministrazione che si sta concludendo, c’è la novità di tante facce che si aggiungono, ci sono tante donne con l’orgoglio di aver inserito, per la prima volta nella storia di questa Regione la preferenza di genere. Ci sono tante facce della società civile che abbiamo coinvolto nella politica della Liguria dopo che per troppo tempo se ne è parlato, lasciandola però sempre fuori dalla porta”.

L’imperativo rimane sottinteso finché non prende la parola Biasotti: bisogna vincere e ottenere più voti possibili, sia per dare il segnale a Roma di “una Liguria rocciosa, una regione del centrodestra” sia per piazzare più pedine possibili se l’esito sarà quello indicato dai pronostici. Anche se, avverte Toti, “non bisogna dare nulla per scontato”. E la futura squadra? “Ne parleremo anche con i partiti, oggi ci vediamo per ragionare di programmi e poi ci confronteremo alla luce dei risultati elettorali sulla nuova amministrazione”, taglia corto il governatore uscente.

Il messaggio è chiaro: nella truppa dei “totiani” della prima ora molti si giocano il bis (Giampedrone, Scajola, la stessa Cavo) ma tanto dipenderà dalle percentuali all’indomani del 21 settembre. Stesso ragionamento che pochi giorni fa ha portato in piazza la Lega che ambisce chiaramente a diventare il primo partito, non solo all’interno della coalizione ma in senso assoluto. Un derby interno che potrebbe persino finire per rubare la scena al confronto tra schieramenti opposti.

I candidati a Genova per la Lista Toti Presidente

ILARIA CAVO, 47 anni, giornalista, scrittrice e assessore regionale uscente alla Formazione, Sport, Politiche giovanili e culturali. Inviata e opinionista di molte trasmissioni giornalistiche di successo e autrice di diversi libri basati sulle sue inchieste,  è da cinque anni assessore e si ricandida in Regione, per la sua Liguria, per proseguire il percorso di questi cinque anni basati sulla concretezza, i fatti e l’ascolto.

LlLLI LAURO, 56 anni, madre di 4 figli, da più di dieci anni volto della scena politica genovese, fatta sul territorio al fianco dei cittadini. Dal 2015 è consigliere regionale della Liguria oltre che presidentessa del Gruppo consiliare “Giovanni Toti Liguria”. Nel 2007  e nel 2012 viene eletta in Consiglio comunale a Genova. Nel 2013 si candida alle elezioni Politiche al Senato nella lista PDL e nel 2014 È candidata alla carica di Consigliere della Città Metropolitana.

STEFANO ANZALONE, 57 anni, Cavaliere della Repubblica, è sovrintendente capo della Polizia di Stato e ha svolto attività sindacale nel Sap (sindacato autonomo di Polizia). È attualmente consigliere comunale a Genova con delega allo sport e dal 2014 è consigliere Metropolitano.  Da più di 10 anni è impegnato nella politica locale, sul territorio: dal 2002 al 2007 è stato consigliere nel Municipio Centro Ovest, dal 2007 al 2009 consigliere comunale e dal 2009 al 2012 assessore allo Sport del Comune di Genova.

FEDERICO BOGLIOLO, 28 anni, dal 2017 è vice presidente a assessore con deleghe alla manutenzione, viabilità e sport del Municipio IX Levante. Già nel 2012, nello stesso municipio, era stato eletto consigliere. Grande sportivo, ex pallanuotista con 4 stagioni nella massima serie, si laurea a pieni voti in Giurisprudenza nel 2016. Nel 2019, a soli 26 anni, viene premiato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati come più giovane avvocato del foro genovese.

GIOVANNI BOITANO,  70 anni,  di Favale di Malvaro. È sposato, ha 2 figli, laureato in Ingegneria meccanica, è consigliere regionale uscente. Dal 1985 al 1993 è stato consigliere provinciale. Sindaco di Favale dal 1994 al 2004 e dal 2009 al 2010 quando ha lasciato l’incarico per andare a ricoprire, nella precedente legislatura, il ruolo di assessore alle Politiche Abitative, Edilizia e Lavori Pubblici. Per oltre 15 anni è stato assessore nella Comunità Montana Fontanabuona e presidente del Consorzio Rio Marsiglia.

BETTINA BOLLA, 46 anni, mamma di Giulia, vive e lavora a Varazze. Interprete e traduttrice, iimprenditrice turistica, è attualmente assessore al Turismo, Comunicazione e Contributi esterni del comune di Varazze. Gestisce lo stabilimento balneare di famiglia, i Bagni Mafalda Royal ed è presidente di Donnedamare, associazione di imprenditrici del settore balneare e del sindacato La Base Balneare. È anche vicepresidente del MIP( Movimento Italia Produttiva).

DARIO CAPURRO, 62 anni, è di Recco, dove vive con Francesca e la figlia Roberta. Dopo aver conseguito il diploma si iscrive alla facoltà di Economia e a 23 anni inizia a lavorare nel settore informatico privato, dove resta per oltre 30 anni. Oggi si occupa invece del settore commerciale per le aziende. Appassionato di politica già dall’adolescenza, entra in consiglio comunale a Recco a 27 anni, dove viene rieletto per 34 anni consecutivi. Dal 1999 al 2009 e’ stato vicesindaco di Recco, dove dal 2009 al 2019 viene eletto sindaco della cittadina.
Da subito aderisce al progetto di Cambiamo! di Giovanni Toti, per cui partecipa alla fondazione del circolo del Golfo Paradiso.

DOMENICO CIANCI, 63 anni, dal 1990 al 2012 è stato eletto consigliere comunale a Rapallo, dove è nato, e dove è stata, dal 1999 al 2004, anche presidente del consiglio comunale. Dal 1979 fa parte dell’Associazione nazionale amministratori condominiali e immobiliari è bello stesso anno ha fondato il suo studio.  È Cavaliere della Repubblica, socio del Lione Club di Rapallo e socio dell’Unione cristiana imprenditori  e dirigenti, Gruppo Ligure – sezione Tigullio.

CATERINA COSINI, 36 anni, artigiana e imprenditrice ha  aperto una sua attività a Genova nel settore dell’estetica dal 2015 e per ampliare la sua formazione sta terminando il corso di laurea in podologia all’Università di Genova.

FRANCA GARBARINO, 57 anni, ha le sue radici in Val Fontanabuona, dove tuttora lavora nell’azienda di famiglia che si occupa di ardesia. Laureata in Economia e Commercio, sposata con due figli,  grazie alla sua attività ha lavorato molto con il mercato estero ma anche su tutto territorio ligure. Ha a cuore particolarmente il rilancio dell’entroterra di Levante e, oltre al lavoro, si è dedicata, negli anni, alla vita associativa: dal 2009 al 2014 è stata presidente del Gruppo territoriale Tigullio di Confindustria Genova; dal 2003 presidente del Distretto dell’Ardesia. È membro del Consiglio di Giunta di Confindustria Genova dal 2007 ed è stata consigliere del Consiglio Esecutivo di Confindustria dal 2011 al 2014.

MIRYLORY ANTONELLA LAI, 47 anni, dal 1999 è laureata in Giurisprudenza. Mamma, avvocato, di due figli, è in prima linea per sostenere il lavoro delle donne che devono conciliare impegni e famiglia. Proprio per questo, con il compagno, ha creato una applicazione per smartphone, pc e tablet che permette da remoto la sottoscrizione di contratti con l’idea di svilupparla anche in ambito legale per alleggerire e velocizzare le pratiche nel settore.

PATRIZIA MARCHESINI, 52 anni, è avvocato, laureata in giurisprudenza nel 1994. ex consigliere comunale Eletta nel 2014 consigliere comunale a Santa Margherita, sua città, con delega agli Affari legali e contratti, Servizi demografici, Trasparenza e rapporti con il cittadino, Reperimento finanziamenti, politiche comunitarie, coordinamento progetti, Sport. Riconfermata consigliere comunale alle elezioni del 2019, ricopre l’incarico di Capogruppo nella lista civica del sindaco Donadoni. Come consigliere ha attualmente delega agli Affari legali e generali e alla Promozione e sviluppo dello sport.

YLENIA MOCCI, 35 anni, è nata e cresciuta nel quartiere genovese di Certosa, dove ha investito non solo la sua vita ma anche la sua attività economica da imprenditrice. Consigliere del Civ, dopo la tragedia del ponte Morandi che ha colpito duramente la città e soprattutto le zone della Val Polcevera, si è impegnata in prima persona per il suo quartiere e le problematiche legate all’emergenza post crollo.

ROBERTO ROMANO, 50 anni, è imprenditore, esperto di marketing aziendale e del mondo digitale, specializzato in social media marketing. In politica dal 1996 è stato segretario e responsabile sportivo di Forza Italia.

ALBERTO TURCO, 49 anni, sposato da 20, è padre di una ragazza di 16 anni e lavora in porto come elettricista per la “Ignazio Messina S.p.A.  Nel 1988,  in seguito a un incidente stradale, ha perso la gamba sinistra. Da allora ha iniziato una nuova vita e un percorso che lo ha portato, due anni fa, a dare vita, insieme ai dirigenti della Levante C – Pegliese, alla formazione di una squadra di calcio amputati.

GEROLAMO VALLE, 60 anni, è architetto dal 1992. Dal 2012 al 2017 ha ricoperto il ruolo di consigliere comunale ad Arenzano. Prima di conseguire la laurea ha lavorato per gli studi degli architetti Gardella e Rossi per la progettazione del nuovo Teatro dell’opera di Genova Carlo Felice in qualità di collaboratore. Appassionato di sport, dal 2018 è delegato della Federazione Italiana Golf provincia Savona e Genova. Dal 2015 al 2017 è stato nel consiglio di amministrazione della Fondazione Acquario di Genova. Dal 2013 al 2019 è stato presidente del Golf club di Arenzano e dal 2016 è presidente di Liguria golf.

leggi anche
  • Schermaglie
    Sansa sfida Toti: “Dicci chi ti finanzia”. La replica: “Tutto a norma, chiediti perché ti evitano tutti”
  • I nomi
    Regionali Liguria, i candidati della Lista Toti: Ilaria Cavo capolista
  • Dopo l'intervista
    I ‘totiani’ replicano a Sansa: “Mai tentato di ingaggiare un comico, pronti alla querela”