Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Ponte Morandi, due anni dopo nella Valpolcevera che resiste le fiaccolate “per non dimenticare” fotogallery

Tre cortei luminosi da Certosa, Cornigliano e Sampierdarena si sono incontrati nella nuova radura della memoria

Più informazioni su

Genova. Sono tanti i genovesi che hanno deciso, questa sera, di stare vicino a chi ha perso i propri cari nella tragedia di Ponte Morandi. Due anni dopo dai quartieri della Valpolcevera che maggiormente hanno sofferto (e continuano a farlo) per quanto accaduto quel 14 agosto sono partite tre fiaccolate.

Da Sampierdarena, da Certosa, da Cornigliano, con le lanterne in mano e la mascherina sul volto, insieme ai familiari delle vittime, ad alcuni ex-sfollati e ad altre voci attive dell’associazionismo e della comunità i cittadini sono arrivati nella nuova “radura della memoria” sotto le pile e l’impalcato del Genova San Giorgio.

Il fuoco delle fiaccole e 43 palloncini bianchi, insieme alla Hallelujah di Leonard Cohen, hanno fatto da scenografia e colonna sonora all’appuntamento. Tante famiglie, tanti bambini e anziani tra i presenti. “Essere in mezzo alle persone, sentire il loro affetto tangibile, è una cosa molto bella” ha detto Egle Possetti, presidente del comitato Ricordo Vittime Ponte Morandi.

Una volta arrivati nella radura dei 43 alberi l’agorà realizzata in attesa che venga costruito i memoriale vero e proprio (tra due anni, ha detto l’architetto Stefano Boeri) l’agorà è diventata per sempre parte della collettività, un nuovo spazio civico in una zona della città che ha appena iniziato la sua metaformosi.