Quantcast
In serata

Omicidio a San Biagio, la tragedia dopo una lite: “Ho colpito mio padre con un martello” fotogallery

Ad avvertire la polizia il ragazzo di 28 anni che si è autodenunciato

omicidio san biagio

Genova. Tragedia nella notte a San Biagio, vicino a Pontedecimo, in via Garrone al civico 14, dove, dopo una lite domestica, un uomo, classe 1958, è morto a seguito ad uno o più colpi di martello ricevuti dal più grande dei due figli, di 28 anni.

Ed è stato proprio lui ad avvertire la polizia con una telefonata al centralino del 112: “Venite, ho colpito mio padre con un martello”, queste le parole riportate dal ragazzo, che al momento dei fatti era in compagnia del fratello di 20 anni.

Sul posto immediato l’intervento della squadra mobile: la casa era a soqquadro, con diversi suppellettili lanciati in quella che sembra essere stata una lite furibonda. Il corpo dell’uomo era riverso in una pozza di sangue, accanto a lui il martello con cui suppostamente è stato sferrato il colpo mortale.

Una lite probabilmente non nuova per il nucleo familiare: l’uomo, Pasquale Scalamandré, infatti, si era recato a casa in violazione di un pregresso divieto di avvicinamento per maltrattamenti. Da lì forse la lite, e poi lo scontro con i figli, Alessio, il maggiore, e Alessio. Sul posto anche il magistrato di turno che ha avviato tutte le indagini di rito. I due fratelli, al momento, sono in custodia della polizia. Al momento della tragedia non era presente la madre dei due ragazzi.

Più informazioni
leggi anche
  • Le indagini
    Omicidio di San Biagio, arrestato il figlio maggiore: “Ho ucciso mio padre perché mi ha aggredito”
    omicidio san biagio
  • Il parricidio
    Omicidio San Biagio, la lite prima della tragedia: “Hai rovinato la vita alla mamma, ho detto solo la verità”
    Generica
  • Il retroscena
    Omicidio San Biagio, per gli amici “uomo perbene” ma “folle di gelosia”: i figli volevano denunciarlo per le pressioni
    Generica