Quantcast
Critiche

Linea condivisa contro Bassetti: “Sulle mascherine esternazioni preoccupanti, l’ordine dei medici intervenga”

Bassetti aveva dichiarato in tv che le mascherine portate a lungo possono far perdere lucidità

Genova. “Esternazioni preoccupanti, perché possono fuorviare o addirittura scoraggiare la popolazione all’utilizzo dei dpi”. Così Linea condivisa attacca le dichiarazioni del direttore di malattie infettive dell’ospedale San Martino Matteo Bassetti che in un’intervista tv avrebbe detto che l’uso prolungato della mascherina può far perdere lucidità.

“Chiediamo che gli organi competenti si esprimano a riguardo” dice il capogruppo di Linea Condivisa Gianni Pastorino, vicepresidente della commissione sanità, che ieri ha nuovamente interpellato per iscritto il Rettore, il Preside della Facoltà di Medicina e il Presidente dell’Ordine dei Medici per chiedere chiarimenti.

“Una domanda che avevamo già posto in passato, purtroppo senza ottenere risposta – dice ancora Pastorino – queste dichiarazioni sono autorizzate dai diretti superiori del Prof. Bassetti? Perché il rischio è quello di creare sconcerto e apprensione, sia fra gli operatori sanitari sia fra i cittadini”.

“Se fosse vero che si può perdere lucidità parlando con la mascherina per molti minuti, come sostiene Bassetti, non osiamo pensare cosa potrebbe accadere a chirurghi, infermieri e tecnici che usano questo dispositivo in sala operatoria, per un tempo ben superiore ai 20 minuti ci cui parla il professore”. “Ricordiamo che il professor Bassetti è anzitutto un dipendente pubblico – conclude Pastorino – Come tale, le sue esternazioni dovrebbero essere preventivamente autorizzate dai suoi superiori, a tutela sia dei suoi colleghi che lavorano nel comparto sanità, sia a beneficio di una corretta informazione dei cittadini”.

leggi anche
  • L'intervento
    Mascherine a scuola per i bimbi, Bassetti: “Ipocrita chi lo pensa. Questa estate trionfo di esibizionismo”
  • Invito
    Il sindaco di Campo Ligure: “Mascherine all’aperto sempre, senza limiti di orario”