Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Liguria regina della Serie A: lo scudetto del Park Genova e non solo

La soddisfazione dei presidenti dei circoli protagonisti

Genova. Uno scudetto stravinto, due salvezze brillantemente conquistate e una trionfale promozione dalla Serie A2. È davvero importante il bilancio dei circoli liguri che hanno disputato la Serie A ai tempi del Coronavirus. Risultato: la prossima stagione vedrà ai nastri di partenza della Serie A1 ben quattro squadre della Liguria, un autentico record.

Le finali di Todi di metà agosto hanno laureato campione d’Italia di Serie A1 maschile il Park Genova calando il sipario su un campionato letteralmente dominato dai gialloblù, a partire dalla fase a gironi, passando per la semifinale con il Crema e terminando con la finale vinta 4-2 contro il Forte dei Marmi di Lorenzo Sonego. D’altronde sul piatto della bilancia i parkioti hanno messo mezza squadra di Coppa Davis, con Gianluca Mager, Simone Bolelli e Alessandro Giannessi oltre a un Lorenzo Musetti straripante e in costante crescita.

“Quando abbiamo saputo a giugno quale sarebbe stato il format della Serie A1 2020 un po’ di timori li abbiamo avuti – ammette Paolo Givri, presidente del Park -. Noi sosteniamo il nostro campionato solo grazie all’aiuto degli sponsor e non è stato facile riuscire ad avere a disposizione le solite risorse da parte di aziende amiche che si trovano ad affrontare una crisi economica inaspettata, magari con dipendenti in cassa integrazione da mesi. Alla fine ce l’abbiamo fatta, anche grazie all’attaccamento dei nostri giocatori, che si sono ampiamente limitati ingaggi e gettoni. Una volta di più è stato il gruppo a fare la differenza”.

Anche il TC Genova ha archiviato una Serie A1 che ha confermato il valore delle squadre biancorosse, impegnate si negli spareggi salvezza ma giunte a un passo dalla possibilità di giocarsi i rispettivi playoff.

Le ragazze hanno centrato la doppia vittoria contro il Lumezzane nel playout e la squadra maschile ha avuto la meglio nella sfida decisiva sul TC Maglie, oltretutto centrando al ritorno i due punti decisivi con Federico Arnaboldi e soprattutto Matteo Arnaldi, giovane speranza, ranking 2.1, che ha superato 12-10 al super tie-break che sostituisce il terzo set Erik Crepaldi.

“La soddisfazione più grande è stata quella di vedere a distanza di un anno la crescita dei nostri giocatori del vivaio – spiega Giovanni Mondini, numero uno del TC Genova 1893 -. Il diciottenne Arnaldi ha fatto progressi incredibili, mi auguro che la stagione possa ripartire velocemente perché sono convinto che Matteo scalerà importanti posizioni nella classifica Atp; Denise  Valente 16 anni, classificata 2.4 ha giocato tutte le gare lottando e spesso battendo avversarie nettamente più quotate, con Denise come vivaio futuro assicurato per la nostra squadra femminile. Poi Lagasio, 17 anni, proiettato dall’oggi al domani in prima squadra a causa dell’infortunio di Picco (tre giorni prima dell’inizio) si è rivelato un giocatore serio ed affidabile su cui puntare per i prossimi anni”.

Mondini trae motivo di soddisfazione anche a livello più generale rispetto alla partecipazione ai campionati della categoria regina del nostro tennis: “Il Tennis Club rispettando sempre le normative ha riaperto le proprie attività sin dai primi di maggio incrementando giorno dopo giorno i propri servizi per i soci sempre seguendo l’evoluzione della  normativa, da un punto di vista operativo non è stato quindi difficile gestire la partecipazione ai campionati, più difficile da un punto di vista economico per lo scarso preavviso e il numero di gare ridotte”.

“Personalmente – prosegue – do anche un grande benvenuto a Santa Margherita  e al suo presidente Mauro Iguera in Serie A e faccio i miei complimenti al Park per il successo ottenuto. Non solo Serie A ma tanti risultati importanti dai settori giovanili: il TC ad esempio ha qualificato sei squadre giovanili alle finali di macroarea a settembre e ne siamo molto orgogliosi. A testimonianza di un ottimo movimento frutto di molta passione dello sportivo ligure per il tennis e anche di tanta competenza estesa a tutti gli attori del movimento”.

Lo stesso entusiasmo si respira a Santa Margherita, per una promozione in Serie A1 con la squadra maschile inseguita con determinazione dal presidente Mauro Iguera.

“La più bella soddisfazione – afferma – l’ho avuta indubbiamente degli incontri vinti dai giocatori del vivaio, alcuni dei quali ci hanno fatto conquistare il titolo italiano under 14 nel 2019 e sono in lizza per il titolo Under 16 nel 2020. Con un anno in più potranno dire la loro anche in Serie A1 nel 2021”.

Ad ospitare il Santa Margherita in occasione della volata promozione è stata la Pro Recco Tennis, ma Iguera, dirigente che nella sua carriera sportiva e professionale si è dimostrato sempre modesto quanto vincente, vuole portare a Santa la Serie A1.

“Ho apprezzato tanto la grande accoglienza e la perfetta organizzazione offerteci dal circolo di Recco che ci ha consentito di ovviare alle nostre carenze regolamentari legate al campo coperto, ma posso confermare sin d’ora che la Serie A1 sarà giocata a Santa Margherita Ligure dove abbiamo già programmato gli interventi necessari a conseguire l’autorizzazione Fit – dichiara -. La nostra squadra potrebbe forse affrontare la A1 con questo organico, ma abbiamo già ipotizzato un qualche innesto che ci consenta di schierare una formazione competitiva in ogni incontro a prescindere dagli impegni di circuito e le vacanze/preparazione invernale dei giocatori di più alta classifica”.

“Voglio ringraziare anche Marco Lavagnino e a sua moglie Lorenza che hanno lavorato per anni sul circolo di Santa Margherita ed hanno condiviso il nostro progetto sin dal 2017 sposando quei valori quali entusiasmo, meticolosità e fair play che trasformano un normale campionato di tennis a squadre in un progetto a vantaggio dei ragazzi giovani, dello sport del Tigullio e della comunità in senso lato” conclude Iguera.