Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Letteratura fantasy per Open Arms, nasce ‘Mari Aperti’

Nove racconti fantastici per raccolta fondi destinati alla ong

Più informazioni su

Genova. Il mito, l’immaginazione, l’allegoria, la metafora, il simbolo. Tutto questo è il Fantasy, genere letterario troppo sottovalutato in Italia. Ma queste caratteristiche si applicano anche al mare che pretende, però, il primato di un altro concetto straordinario: la solidarietà.

Nasce così la prima antologia del progetto di narrativa solidale Senza Confine il cui ricavato viene destinato al supporto delle attività della ong Open Arms. Si intitola ‘Mari Aperti’ e contiene 9 racconti e 1 saggio scritti dai maggiori autori di Fantasy italiani. I racconti sono corredati da illustrazioni originali.

L’idea di questo volume solidale è di Maikel Maryn, che – oltre a scrivere ‘Mare Inferum’ per l’antologia – assieme a Andrea Marinucci Foa ha curato il volume. “L’idea mi è venuta lo scorso anno osservando il disastro che stava succedendo nel Mediterraneo a causa delle intollerabili politiche sull’immigrazione, sia italiane che europee. Il balletto delle responsabilità fatto sulla pelle di gente lasciata per giorni e giorni in mezzo al mare è stata una cosa che mi ha fatto vergognare come essere umano e così mi sono chiesto cosa potessi fare per cambiare le cose. L’unica cosa che so fare è scrivere e quindi mi è venuto in mente di poter raccogliere fondi per chi interviene direttamente in certe situazioni”

Secondo Marinucci “non è difficile ‘sposare’ il contenuti fantasy con il concetto di solidarietà se guardiamo la storia del fantasy al di là degli stereotipi con cui purtroppo è noto da noi. Dal Signore degli Anelli, il genere fantastico pone l’accento sulla collaborazione di fronte alle avversità e l’empatia è una caratteristica che pervade i personaggi. Persino i “cattivi” in qualche modo meritano un tentativo di salvezza, come accade a Gollum. Insomma, nel fantasy c’è anche uno spirito solidale. E’ una delle ragioni che ci ha spinto a concentrarci sul fantastico, mostrare uno dei volti del nostro genere prediletto di cui si parla relativamente poco”. Questa antologia è un progetto importante, dedicato a una causa importante.

“Abbiamo impiegato un anno esatto a realizzare questa antologia, – ha detto Maryn – un po’ perché abbiamo dovuto imparare a gestire tutte le fasi di lavorazione e le persone coinvolte , un po’ perché c’è stata quella piccola faccenda della pandemia mondiale che ci ha un po’ scombussolati” ma, aggiunge Marinucci, “è molto probabile che avrà un seguito, la redazione che si è costruita ha rappresentato un momento molto importante di crescita personale. Si sono creati dei rapporti di amicizia che mi spingono a inventare qualcos’altro. La versione digitale di ‘Mari Aperti’ è disponibile con una donazione sulla piattaforma di crowdfunding Produzioni dal Basso e su piattaforme di e-commerce.